Il suono congelato. Musica, estetica, architettura

incontro al Politecnico di Milano

Milano, 6 maggio 2008 ore 9.45

c/o Aula Seminari Edificio PK Politecnico di Milano - Bovisa Via Durando, 10

Musicologi, filosofi, architetti e critici d'arte metteranno alla prova le affinità strutturali del linguaggio della musica e del linguaggio dell'architettura, che ha una tradizione di discussione antica e autorevole, con una concentrazione particolare, in questa occasione, sulla nozione di "composizione", essenziale in entrambe. L'analisi interesserà sia le conseguenze "espressive" che derivano dalla specificità compositiva che caratterizza musica e architettura sia le relazioni variegate tra suono e spazio.

L'incontro è promosso dal Politecnico di Milano, dal Dipartimento di Filosofia della Facoltà di Lettere e Filosofia (Università degli Studi di Milano), dall'Osservatorio di Musica della Società Italiana di Estetica e dal Seminario Permanente di Filosofia della Musica.

il programma:

ore 9.45
introduce e modera Massimo Fortis, direttore del DPA

Intervengono

Lodovico Meneghetti, Politecnico di Milano
Coltiva la musica, distinguerai l'architettura

Simona Chiodo, Politecnico di Milano
Il potere di rappresentazione

Roberto Favaro, Accademia di Architettura di Mendrisio
Il suono della forma, la forma del suono

Marco Vallora, Critico d'arte
Dialogo con Salvatore Sciarrino

ore 14.45 modera
Elio Franzini, Università degli Studi di Milano

Intervengono

Silvia Vizzardelli, Università degli Studi della Calabria
Il rapporto musica-architettura alla luce delle nuove teorie atmosferiche

Carlo Serra, Università degli Studi della Calabria
Spazio rituale e forme dell'ascolto

Maria Cairoli, Politecnico di Milano
Acustica degli spazi confinati: un anello nascosto, inscindibile tra musica e architettura

Tobia Patetta, Politecnico di Milano
Luoghi per la musica tra Otto e Novecento

 

pubblicato in data: