Il saluto di Ian Kaplicky

Un centro congressi con sala concerti per la città ceca di Ceské Budejovice segna il passaggio conclusivo della carriera di Ian Kaplicky, morto mercoledì scorso a Praga, dove era nato nel 1937: il progetto, presentato nel 2008 - come evidenzia The Architects'Journal (architectsjournal.co.uk) - condivide in parte la logica alla base della sperimentazione plastica che caratterizza una delle opere più note e controverse dello studio Future Systems, la nuova Biblioteca di Praga.

Come nell'architettura ideata per la capitale, le "libere forme curve che riescono a combinare bellezza estetica e straordinaria qualità dell'acustica" (future-systems.com),   trovano spunto nel mondo fantastico dei mostri marini e delle creature acquatiche. La copertura, che avvolge tutto il complesso e sembra determinarne il contorno ondulato, evoca la figura di una manta (architectsjournal.co.uk).

Oltre ai due auditorium, uno destinato ai concerti sinfonici (100 posti) e l'altro (400 posti) pensato per la musica da camera, nell'edificio si innesteranno anche spazi commerciali e aree di intrattenimento (ristorante, caffè, sale da ballo e spazi per il varietà).

A differenza della Biblioteca di Praga, il Centro, "colonna portante di un nuovo insediamento"  (future-systems.com), rientra in un piano di realizzazione già definito: il cantiere dovrebbe aprire l'anno prossimo e concludersi nel 2013 (architectsjournal.co.uk).


Immagini (da flickr.com): 1 | 2 | 3 | 4

Sito ufficiale di Future Systems

pubblicato in data: