Mecanoo in piazza

Lo schema ideato da Mecanoo per la Library of Birmingham ha ricevuto giovedì scorso (bdonline.co.uk) l'approvazione del Consiglio cittadino: la biblioteca si inserirà tra il Birmingham Repertory Theatre - soprannominato "the REP" (en.wikipedia.org) - e la Baskerville House, edifici risalenti rispettivamente agli anni '60 e agli anni '30 del Novecento (mecanoo.com). Il piano da 193 milioni di sterline, presentato ad aprile (libraryofbirmingham.com), contempla un concetto ampliato di attrezzatura collettiva, associando alle funzioni interne il collegamento al teatro in corrispondenza del piano terra e del mezzanino, e la relazione con la "Piazza del Centenario", rafforzata dalla creazione di un anfiteatro per spettacoli all'aperto.

"L'ampia entrata condivisa tra Biblioteca e REP sarà riparata sotto una loggia pubblica, creando un magnifico spazio per assistere ad eventi nella piazza. Sopra la loggia, il volume dell'edificio si ritrae, creando un secondo spazio all'aperto, un giardino sopraelevato con spettacolari vedute della città" (libraryofbirmingham.com). L'architettura di Mecanoo è stata scelta da una rosa di sette proposte: la lista ristretta di finalisti nella selezione per il progetto della biblioteca comprendeva anche Foreign Office Architects, Foster and Partners, Hopkins Architects, OMA, Schmidt Hammer Lassen e Wilkinson Eyre (birmingham.gov.uk).

La visione degli olandesi delinea una costruzione dall'aspetto monumentale, rivestita di cristallo e "avvolta in una delicata filigrana di metallo ispirata dalla ricca tradizione cittadina nell'artigianato e nell'industria" (libraryofbirmingham.com). L'intervento prevede inoltre il restauro del Repertory Theatre, che sarà arricchito da sale rinnovate, locali per il personale e laboratori.

Il complesso dovrebbe essere portato a termine entro il 2013 (bdonline.co.uk).

Immagini (da libraryofbirmingham.com)

pubblicato in data: