Fibra dinamica

Il riferimento al dinamismo del corpo umano, attraverso una metafora definita dalle "linee affusolate concave e convesse" (bureau-n.de) che delimitano pieni e vuoti: la struttura esterna del Centro Scientifico di Tecnologia Medica Otto Bock, inaugurato su Potsdamer Platz lo scorso giugno (ottobock.com), introduce il tema del movimento, intorno al quale ruotano, oltre alle attività della compagnia che ha sede nel complesso concepito da Gnädinger Architekten, anche le iniziative culturali organizzate nei 1000 metri quadrati dell'edificio (gnaedinger-architekten.de).

Sulle facciate a nord e ovest, un'installazione dello studio Art+Com sintetizza l'andatura di una persona che cammina, riprodotta dallo spostamento alternato di quindici luci, corrispondenti alle principali articolazioni. In generale, lo schema del centro riflette l'approccio interdisciplinare dei progettisti, che hanno collaborato "per far coesistere armoniosamente natura e alta tecnologia" (bureau-n.de).  

L'ultimo piano è pensato come luogo in cui possano confrontarsi tutte le categorie che interagiscono nello "Science Center Medizintechnik": "dottori, pazienti, terapisti, tecnici ortopedici e produttori" avranno a disposizione una "piattaforma di dialogo" (bureau-n.de) dalla quale esporre le rispettive esigenze. Lo spazio per convegni e lezioni occupa il quarto piano, mentre al terzo sono collocati gli uffici amministrativi (sciencecenter-medicaltechnology.com).

I livelli dal piano terra al secondo piano sono dedicati agli allestimenti espositivi. "Installazioni interattive e multimediali danno ai visitatori la possibilità di divertirsi" migliorando "la comprensione delle invenzioni che ripristinano la capacità motoria" (sciencecenter-medicaltechnology.com).

Modello interattivo del Centro Otto Bock (da sciencecenter-medicaltechnology.com)

Immagini (da gnaedinger-architekten.de)

Altre immagini (sciencecenter-medicaltechnology.com)

Le installazioni interattive (da artcom.de)

pubblicato in data: