Premio Europeo dello Spazio Pubblico Urbano

pubblicato il:

Uno spaccato dei processi di evoluzione nelle aree abitate d'Europa, con particolare rilievo ai risvolti "civici" della pianificazione: istituito nel 2000 dal Centro per la Cultura Contemporanea di Barcellona (CCCB) - a cui nel tempo si sono affiancati The Architecture Foundation, Architekturzentrum Wien, Cité de l’Architecture et du Patrimoine, Nederlands Architectuurinstituut e Museo dell'Architettura Finlandese, il Premio Europeo dello Spazio Pubblico Urbano nasce per "promuovere il carattere pubblico degli spazi urbani e la loro capacità di favorire la coesione della società" (publicspace.org).

oltre a onorare gli architetti, offrendo spesso visibilità ai giovani talenti, il Premio mette in risalto  il contributo delle comunità locali e il ruolo delle amministrazioni pubbliche, che intervengono come soggetti committenti e finanziatori.

A partire dalle 333 candidature vagliate quest'anno, la giuria presieduta da Rafael Moneo (diariosabadell.com) ha selezionato due vincitori a pari merito, rappresentativi di scale progettuali molto diverse: il Teatro dell'Opera di Oslo (Snøhetta) e la Biblioteca all'aperto di Magdeburgo (KARO* con Architektur+Netzwerk). Nell'edificio norvegese, il disegno della copertura che "emerge delicatamente dalle acque del porto di Bjørvika per offrire alle persone che l'attraversano una splendida vista sulla città e sul fiordo" (publicspace.org) simboleggia la fusione tra struttura e contesto preesistente; d'altra parte, il piccolo intervento promosso dai residenti di un quartiere disagiato per ottenere uno spazio di lettura, evidenzia la dimensione partecipativa e offre una soluzione sostenibile - il contenitore per la conservazione e lo scambio dei libri è stato realizzato con materiali provenienti da edifici demoliti (publicspace.org).

La cerimonia di consegna si svolgerà il prossimo 11 giugno (diariosabadell.com) presso il CCCB.

Premio Europeo dello Spazio Pubblico Urbano 2010

Ex-aequo (publicspace.org)

Menzioni speciali (publicspace.org)