No ad ampliare le attività di geometri e periti edili

comunicato stampa CNAPPC

«I Geometri ed i Periti edili ci riprovano ancora una volta: in palese contrasto con tutte le più recenti Sentenze della Corte di cassazione sugli evidenti limiti di competenza dei Geometri e dei Periti edili, queste professioni ci riprovano a proporre anche alla Camera dei Deputati un DDL esclusivo sulle loro attività».

Lo affermano in una nota i Consigli Nazionali degli Architetti e degli Ingegneri.

Tra gli aspetti maggiormente contestati l'ampliamento delle volumetrie ammesse nella progettazione anche in zona sismica (sino a 4500 mc), delle competenze in urbanisticain materia di progettazione impiantistica, ecc.

«A nulla vale - prosegue la nota - il comune tavolo di lavoro in corso tra le professioni tecniche proprio in materia di competenze, a nulla vale la evidente logica di premettere una riforma complessiva degli ordinamenti professionali così come concepita dal Ministro Alfano prima di mettere mano al riordino delle competenze. A nulla vale il concetto di merito laddove per accedere a professioni che incidono su interessi costituzionali quali la sicurezza dell'abitare o la tutela del paesaggio occorre aver superato corsi universitari assolutamente appropriati: almeno così si fa in Europa ed in tutto il mondo civile».

I due Consigli nazionali ribadiscono che «per tali professioni regolamentate occorre superare percorsi universitari e non può una legge, prevedendo un semplice corso di 120 ore, annullare 5 anni di studio».

«A Geometri e Periti edili - conclude la nota - va ancora una volta rivolto l'invito di percorre comunemente la strada della ragionevolezza, ma se cosi non fosse vi sarà la nostra più ferma opposizione a proposte di legge basate sulle solite, inopportune ed antistoriche regalie all'"italiana».

Sito Consiglio Nazionale Architetti - CNAPPC: www.awn.it
Sito Consiglio Nazionale Ingegneri - CNI: www.tuttoingegnere.it

pubblicato in data: