City of Dreams Pavilion 2011

pubblicato il:

Si intitola "Burble Bup", il progetto selezionato dalla giuria  del concorso "City of Dreams Pavilion", giunto alla seconda edizione e promosso da un gruppo di sponsor (worldarchitecturenews.com) che include FIGMENTS - "forum per la creazione e la diffusione di arte partecipata e interattiva prodotta da artisti emergenti" (figmentproject.org), ENYA (Emerging New York Architects) e SEAoNY (Structural Engineers Association of New York). Lo schema, ideato dalla design farm di Antonio Torres e Michael Loverich (Bittertang), servirà a realizzare a Governors Island una costruzione temporanea che, anche solo per pochi mesi, "diventi un luogo in cui le persone possano incontrarsi, ricevere informazioni relative agli eventi d'arte programmati sull'isola e apprezzare un'esibizione o una conferenza, programmata o estemporanea" (deathbyarchitecture.com).

In base alla soluzione di Bittertang, lo spazio interno del padiglione risulterà racchiuso da lunghi "tubi" morbidi  imbottiti di terriccio, "ondeggianti  e ammucchiati", che "forniranno superfici per sdraiarsi, sedersi, arrampicarsi e giocare" (ecofriend.com); la copertura sarà costituita da elementi gonfiabili colorati - i Bup - tenuti insieme in una configurazione modificabile a piacere, grazie alla flessibilità dei collegamenti adesivi (worldarchitecturenews.com). Una volta smontata la struttura, il tessuto usato per formare i componenti tubolari verrà riciclato nella produzione di concime, mentre i Bup saranno ceduti a piscine pubbliche come giocattoli acquatici (worldarchitecturenews.com).  

Il "Burble Bup", che rimarrà in piedi durante il periodo estivo (newyork.figmentproject.org), risponde alle linee guida fissate dagli organizzatori della competizione, che aveva come fulcro la sostenibilità delle proposte. "I partecipanti" erano chiamati a "considerare l'intero ciclo di vita dei materiali costruttivi... dalle operazioni preliminari fino al momento di smontare" (deathbyarchitecture.com).

Alla fase finale della valutazione per il "City of Dreams Pavilion" erano stati ammessi altri quattro finalisti (aiany.aiany.org): "Fibrous Shell Pavilion" (Daniel Affleck e Pablo Kohan); "Root Ball  Pavilion"  (VAMOS Architects); "Pulled Reclamation" (Naomi Ocko e Christina Ciardullo); "Interwoven  Pavilion" (Wilkinson Blender Architecture). L'edizione 2010 è stata vinta dal "Living Pavilion" di Ann Ha eBehrang Behin (figmentproject.org).

Immagini (da newyork.figmentproject.org)

Altre immagini (da ecofriend.com)