Il Fantasma dell'Opéra Garnier

pubblicato il:

Il 27 giugno prossimo a Parigi si inaugura il nuovo ristorante dell'Opéra Garnier progettato dall'architetto francese Odile Decq. La realizzazione del ristorante dà continuità alla storia del Palais Garnier come indicato nel 1875 nel progetto definitivo di Charles Garnier. Dopo due tentativi non riusciti (1973 e 1992), 136 anni più tardi, il ristorante diventa realtà per mano di Odile Decq.

Nell'edificio, classificato monumento storico e quindi "tutelatissimo", si inserisce un intervento che, pur rispettando tutti  vincoli a cui l'edificio è sottoposto, non si mimetizza, ma si impone con il suo carattere contemporaneo. Dopo un anno di preparazione, il 15 giugno 2009 il progetto dell'architetto francese riceve l'avvallo della Commission Nationale des Monuments Historiques.

Creare il nuovo volume all'interno dell'edificio dell'Opéra ha significato quindi per l'architetto confrontarsi con i limiti tipici degli edifici vincolati. Essendo impossibile toccarne i muri, i pilastri e le volte in modo da garantire la totale reversibilità dell'intervento nel tempo, la facciata del ristorante si insinua con movimento ondivago tra i pilastri come un semplice velo di vetro. Nessuna struttura visibile, ma a 6 metri di altezza solo una lama d'acciaio, ancorata alle cornici superiori da alcune staffe di acciaio, mantiene in posizione come per magia il vetro totalmente trasparente. Una presenza minima e una completa e reciproca visibilità esterno-interno.

Per raggiungere i 90 coperti in uno spazio piuttosto ridotto, si è pensato ad un mezzanino realizzato come una superficie continua, con sottili colonne appoggiati al pavimento in prossimità dei pilastri di pietra fino alle scocche di gesso bianco modellato a formare la balaustra al bordo di questa specie di vascello scivolato sotto la cupola. Una superficie che ricorda una nuvola che si sviluppa e si solleva tra gli elementi che già esistono ma che non tocca mai. Un'allusione alla forma fluida del fantasma il cui velo bianco scivola furtivamente nello spazio a coprirlo con il suo disegno proteiforme che sembra galleggiare sui convitati. Liberando lo spazio e aprendo la vista verso l'esterno.

Per chi siede nelle concavità che il rosso dell'interno rende più accoglienti, la chiave di volta liberata dal suolo in basso e la volta della cupola sembrano sorprendentemente molto più vicini. La percezione dello spazio è distorta, non si capta più la simmetria della cupola, i punti i riferimento cambiano. E allora, per contrasto, lo spazio diventa più intimo e privato. Il rosso scende il grande scalone con fare teatrale e si espande al centro della sala inferiore per accogliere i tavoli e accompagnarli fino alla facciata. Sul fondo, vicino all'ingresso al cuore dell'Opéra, lo spazio comincia a chiudersi, si fa più privato in contrasto con il candore della sala, è l'atrio con il lunghi tavoli rossi continui. Al bordo un grande e lungo bar nero si insinua intorno a una colonna.

Appuntamento: inaugurazione lunedì 27 giugno 2011
apertura dal 1 luglio 2011

web: Odile Decq www.odbc-paris.com | www.opera-restaurant.fr