Snøhetta va in scena a Busan

Si è concluso con la scelta del progetto presentato da Snøhetta, il concorso per la "Opera House" di Busan (frameweb.com): dopo una prima fase aperta alle idee di studenti e architetti professionisti (news.aivp.org), e una seconda tranche "estesa" con la partecipazione di grandi studi internazionali (bohcompetition.org) , il giudizio finale ha premiato lo studio fondato da Craig Dykers e Kjetil Thorsen (sfgate.com).

Nella prima parte della competizione, la giuria aveva analizzato più di 500 proposte (zarhy.com), selezionandone cinque da ammettere alla valutazione finale; nella fase conclusiva, ai primi finalisti se ne erano aggiunti altri cinque su invito. L'elenco completo (bohcompetition.org), insieme a Snøhetta, comprendeva Architekturstudio Bulant & Wailzer (Austria), DMP (Corea del Sud), Foster & partners (Regno Unito), Henning Larsen Architects (Danimarca), Lan + Architettura & Ingegneria (Italia), PWFERRETTO LTD (Regno Unito), SAMOO Architects & Engineering (Corea del Sud), Zaha Hadid (Regno Unito), Zarhy Architects + StudioPEZ (Israele).

Il futuro teatro dell'opera, che avrà una capienza di circa 1800 posti (bohcompetition.org), ingloberà diverse attrezzature, tra cui una sala conferenze, una galleria e un ristorante, destinate   al pubblico degli spettacoli e, in generale, agli abitanti della città sudcoreana - la seconda metropoli per estensione, dopo Seul (en.wikipedia.org). La struttura sorgerà nell'area settentrionale del porto di Busan (frameweb.com), materializzando il punto di contatto tra l'oceano e il paesaggio della terraferma.

La tendenza a integrare gli opposti ed annullare le differenze  rappresenta il tema centrale  dell'architettura ideata da Snøhetta. Nelle intenzioni dei progettisti, il complesso si configura come luogo "democratico e perfettamente accessibile" che "segnerà un avanzamento esemplare  per lo spazio culturale urbano: dall'oggetto statico allo spazio dinamico; dal contenitore chiuso al palco aperto; dal passivo all'interattivo; dal monumento elitario all'arena democratica; da un posto per pochi a un posto per molti" (snoarc.no).  

Dal prossimo dicembre, i vincitori del concorso di Busan avranno tempo fino ad aprile 2014 (bohcompetition.org) per sviluppare lo schema del teatro dell'opera, che dovrebbe essere realizzato nell'arco di quattro anni.

Immagini  (da snoarc.no)

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: