Casabella 1928/2013, 85° compleanno

architetti under 30 per l'anniversario della rivista

Per celebrare l'85° anniversario, la rivista ha pubblicato 47 opere prime di architetti, non ancora trentenni provenienti da tutto il mondo, nella convinzione che il panorama da queste disegnato possa aiutare a comprendere come vada evolvendo la pratica dell'architettura ai nostri giorni.

Le opere pubblicate sono state selezionate tra oltre 200 proposte giunte alla redazione attraverso la call for architects under 30 che si è chiusa a settembre. 

web casabellaweb.eu

 

 

Gli ottantacinque anni di Casabella
La rivista «La Casa bella» viene pubblicata per la prima volta nel gennaio 1928. Edita dallo Studio Editoriale Milanese, è un mensile diretto da Guido Marangoni, sostituito, dal gennaio 1930, da Arrigo Bonfiglioli. All'inizio del 1933, Giuseppe Pagano, che già collabora alla rivista, ne assume la direzione, modificando il titolo in «Casabella». Il cambio di direzione coincide con l'acquisto della testata da parte dell'Editoriale Domus. Nel 1935, Edoardo Persico, scomparso però l'anno successivo, affianca Pagano come condirettore. Nel 1938, al titolo «Casabella» viene aggiunta la parola «Costruzioni». Nel 1940, i termini vengono invertiti e il titolo diventa «Costruzioni-Casabella». Nel dicembre del 1943 la pubblicazione della rivista è sospesa dal Ministero della Cultura Popolare.

Dopo due anni, l'editore Gianni Mazzocchi la riorganizza e affida la direzione a Franco Albini e a Giancarlo Palanti. Nel 1946 appaiono tre numeri di «Costruzioni», tra i quali il triplo numero monografico dedicato a Giuseppe Pagano (n. 195/198). Dal 1947 al 1953 le pubblicazioni vengono nuovamente sospese.

Nel gennaio 1954, inizialmente con cadenza quasi bimestrale, esce «Casabella-Continuità», diretta da Ernesto Nathan Rogers. Rogers mantiene la direzione fino al gennaio 1965 e dal gennaio 1959 la rivista assume nuovamente una cadenza mensile.

Dall'agosto 1965 e fino al maggio 1970, la direzione viene affidata a Gian Antonio Bernasconi, mentre il titolo della rivista torna ad essere «Casabella».Dalla metà del 1970 sino a marzo 1976, la rivista è diretta da Alessandro Mendini, sostituito, da aprile a dicembre dello stesso anno, da Bruno Alfieri. Nel 1971 Editoriale Domus cede la testata. Dal gennaio 1977 la rivista viene pubblicata dal Gruppo Editoriale Electa e la sua direzione viene affidata, fino al dicembre 1981, a Tomás Maldonado.

Da marzo 1982 a febbraio 1996 Vittorio Gregotti dirige la rivista; nel frattempo il Gruppo Editoriale Electa viene assorbito dalla casa editrice Mondadori. Da marzo 1996 Francesco Dal Co è il direttore di «Casabella», che dall'aprile 2002 è pubblicata da Arnoldo Mondadori Editore.

Oltre ai direttori che dal 1928 si sono succeduti alla guida di «Casabella», Guido Marangoni, Arrigo Bonfiglioli, Giuseppe Pagano, Franco Albini e Giancarlo Palanti, Ernesto Nathan Rogers, Gian Antonio Bernasconi, Alessandro Mendini, Bruno Alfieri,Tomás Maldonado,Vittorio Gregotti e Francesco Dal Co, migliaia sono i nomi di coloro che hanno collaborato in varie maniere alla rivista nel corso degli ottanta anni della sua storia.

 

pubblicato in data: