Mecanoo nella trama di Mies

Una nuova ala racchiusa in un elemento di tre piani allungato e obliquo, "appoggiato" sulla struttura ideata da Mies van der Rohe e forse destinato a uso residenziale: il cuore del progetto presentato da Mecanoo con gli statunitensi Martinez + Johnson Architecture, per l'espansione della Martin Luther King Jr Library è l'inserto, in apparenza irriverente, di un tratto diagonale nella griglia squadrata con cui il maestro razionalista ha definito l'edificio che dal 1972 accoglie le attività della biblioteca pubblica di Washington D.C.

In una lista ristretta che comprendeva altri due raggruppamenti - Studios Architecture & Freelon Groupe, e
Patkau Architects, Ayers Saint Gross e Krueck + Sexton Architects (architectmagazine.com), lo studio fondato da Francine M. J. Houben nei primi anni Ottanta ha convinto il comitato di esperti chiamato a scegliere la soluzione più adatta per consentire la crescita della MLK Library secondo  standard contemporanei, e garantire, allo stesso tempo, la conservazione dell'architettura preesistente, compresa  da qualche anno tra i monumenti da tutelare.

"Mantenere l'integrità dello schema di Mies sarà quasi certamente la parte più stressante del processo. Da quando la biblioteca... fu aperta, gli edifici di questo tipo si sono evoluti rispetto al messaggio centrale di Mies  - trasparenza e apprendimento - per diventare centri ricreativi, luoghi d'icontro, strutture di asilo nido, sale computer e molte altre cose..." (washingtonpost.com).

L'aggiunta di nuovi spazi per le attività comuni, come l'auditorium previsto al quarto piano o la rivendita di libri ipotizzata per una delle sale di lettura, rappresenta un altro degli aspetti salienti dell'espansione prefigurata da Mecanoo, insieme a nuovi collegamenti verticali e orizzontali pensati per aprire "l'atrio che ricorda una scatola, e che spesso dà più la sensazione di una sala d'aspetto o di un salotto vuoto, non connesso agli spazi per la lettura e la ricerca sui piani superiori" (washingtonpost.com).

I timori legati alla salvaguardia dell'architettura storica potrebbero produrre tensioni e portare alla modifica della proposta iniziale, soprattutto per quanto riguarda le residenze da collocare nel corpo di fabbrica aggiuntivo: "molto cambierà quando il gruppo scelto sarà alle prese con i problemi reali dell'edificio, il processo di supervisione della conservazione, i desideri della biblioteca e le esigenze della comunità... Se la città sceglie di aggiungere spazio alla biblioteca - la decisione arriverà più avanti, in primavera - sarà una sfida formidabile farla funzionare senza che il nuovo volume sembri giacere come un cappello, o come una astronave indesiderata che atterra sulla massa indifferente dell'edificio originale di Mies" (washingtonpost.com).  

Il contrasto tra la visione geometrica di Mies e l'estetica di Mecanoo si stempera nella ricerca di equilibrio tra apparenza formale e funzionalità. L'idea di progettazione formulata da Francine Houben - "L'architettura deve attrarre tutti i sensi, e non è mai un gioco esclusivamente intellettuale, concettuale o visivo. L'architettura riguarda la capacità di combinare tutti i singoli elementi in un concetto unico. Ciò che conta, alla fine, è l'accordo tra forma ed emozione" (mecanoo.nl) -  concorda con uno dei principali riferimenti di Mies van der Rohe: "il mio attacco non è contro la forma, ma contro la forma fine a se stessa" che  "si risolve inevitabilmente in mero formalismo... uno sforzo rivolto solo verso l'esterno. Ma solo ciò che ha vita al suo interno presenta un esterno vitale. Solo ciò che possiede l'intensità della vita può avere intensità di forma" (modernistarchitecture.wordpress.com).

Immagini  (da archdaily.com)

pubblicato in data: - ultimo aggiornamento: