La lanterna di Fuksas: elementi tecnici di una struttura vetrata

Il Palazzo dell'Unione Militare, a Roma, tra via del Corso e via Tomacelli è sintesi dei tempi: integra stili, storia e futuro. A trasformare l'edificio, sintesi di rigidi canoni del Novecento, è la struttura fatta di vetri e metallo che sovrasta il complesso architettonico, progetto dell'architetto Massimiliano Fuksas. La struttura si sviluppa con profili snelli che lavorano per forma senza appoggi intermedi, in sostanza è autoportante ed è costituita da più di 1000 mq di vetri triangolari tutti diversi uno dall'altro, per un totale di circa 1000 nodi.

© Stahlbau Pichler

Il progetto

La parte che emerge dalla struttura originaria ha un ingombro modesto, dove vengono nascosti anche gli impianti, scendendo fino a entrare in contatto internamente con la base. Tocca un'altezza massima di circa 7,50 m dal livello calpestabile e ospita uno spazio panoramico di circa 300 mq, con ristorante e coffee shop. La struttura in acciaio e vetro dalla geometria triangolare attraversa tutto l'edificio. Ogni piano apre al pubblico uno spazio contraddistinto da pavimenti decorati con bolle multicolore, che muovono dalle tonalità del rosso, smorzandosi nell'arancio, fino a toccare i toni più bassi del viola su base di colore bianco. 

© Stahlbau Pichler

La struttura in acciaio e vetro

L'elemento principale del progetto, nonché vera e propria icona dell'intervento, è costituito dalla "lanterna" di acciaio e vetro realizzata da Stahlbau Pichler che attraversa tutti i solai dell'edificio per affiorare in copertura, formando una sorta di nuvola che si sviluppa in una volta trasparente. Tutti i lavori sono stati eseguiti sotto la sorveglianza della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma.

© Stahlbau Pichler

La struttura si sviluppa con profili snelli che lavorano per forma senza appoggi intermedi, in sostanza la struttura è autoportante, con la presenza di pochissimi alberi.

Tra lanterna interna e copertura sono stati realizzati 1000 mq più 1000 mq di vetri triangolari tutti diversi uno dall'altro, per un totale di circa 1000 nodi (465 per la lanterna interna e 580 per la copertura). «Per riuscire a fare ciò - ci spiega l'ing. Massimo Colombari - Stahlbau Pichler ha letteralmente ideato e creato un sistema unico in grado di gestire tutte le inclinazioni grazie ad una guarnizione a raggiera. Nella fase di progettazione abbiamo lavorato gomito a gomito con Massimiliano Fuksas, arrivando a definire una struttura di mesh assolutamente innovativa e mai proposta prima, è stata una sfida assolutamente stimolante».

© Stahlbau Pichler

Ci troviamo di fronte ad un sistema di facciata applicato direttamente alla struttura. Per la gestione e manutenzione della copertura sono state predisposte linee vita con accessi dalla zona impianti microforata. A sottolineare la minuziosa ricerca di soluzioni ad hoc, persino gli evacuatori di fumo sono stati creati in forma triangolare, con profili che potessero essere a filo con la copertura, al fine di rispondere alle esigenze estetiche ed architettoniche.

«Tutta la progettazione è avvenuta in 3D - ci racconta Massimo Colombari - ogni nodo è stato materializzato a terra e poi portato in quota. Sul modello 3D sono stati tagliati a controllo numerico i tubi che poi sono stati montati come fossero le tessere di un puzzle, incastrandosi perfettamente uno nell'altro. La struttura è stata pre-imbullonata e poi saldata in opera. Il montaggio ha avuto luogo tra giugno 2012 e febbraio 2013 e data lo dislocazione in pieno centro storico dell'edificio, è stato necessario portare sul posto gli elementi solo nelle primissime ore del mattino utilizzando unicamente la motrice. Tutti i tubi sono stati scelti attraverso un accurato studio delle tolleranze produttive e l'intera struttura di copertura è stata sottoposta a studi di risposta alle azioni della natura quali forti venti, neve e sisma».

Crediti

Localizzazione: Roma
Anno di realizzazione (inizio lavori e fine lavori): 2012 - 2013
Destinazione d'uso: show room
Committente: Benetton spa
Progetto architettonico: Studio Fuksas - Massimiliano e Doriana Fuksas
Progetto strutturale, progetto esecutivo e realizzazione strutture in acciaio e pareti vetrate (lanterna interna - struttura di copertura - struttura contenitiva impianti): Stahlbau Pichler s.r.l. - Design & Engineering: Massimo Colombari - Project Management: Diego Pulici

 

pubblicato in data: