Giovani architetti crescono

rassegna web

Il Giornale di Vicenza, 8/09/2003

di SILVIA MARIA DUBOIS  

Giovani architetti crescono. E, soprattutto, si autofinanziano.

Sono i liberi professionisti della Vaga (Associazione giovani architetti della provincia di Vicenza), volenterosi rifondatori dell'indipendenza intellettuale e del talento "naturale", quello svincolato dai casati lavorativi e dagli ammaestramenti di categoria.

Non è raro "pizzicare" questa ottantina di iscritti a confutare le linee geometriche di una piazza di provincia, magari alle due di notte, oppure a riempire il vagone di un treno in viaggio verso la biennale di Venezia, durante un pomeriggio domenicale. 

Ora, dopo nove anni di mostre, dibattiti e buona volontà, il Comune ha affidato proprio a loro il concorso di idee per la riqualificazione dello spazio adiacente le mura di viale Mazzini. «La città si sta accorgendo di noi» esclamano gli architetti della Vaga, e annunciano, così, il loro primo, grande traguardo. Come racconta Carolina Fago, 37 anni, neopresidente dell'associazione.

Vai all'articolo integrale (formato PDF)

pubblicato in data: