Stazione AV Napoli Afragola...

rassegna web

pubblicato il:

comunicato stampa RFI 2/10/2003

È Zaha Hadid con il suo gruppo di progettazione, la vincitrice del concorso internazionale bandito dalla TAV per la progettazione della nuova stazione Alta Velocità Napoli Afragola che si svilupperà su circa 20.000 mq, con possibilità di estensione ad altri 10mila, ed entrerà in funzione nel 2008.

La giuria, presieduta da Oriol Bohigas e composta da Carlo De Vito, Salvatore Di Pasquale, Benedetto Gravagnuolo, Hans Hollein, Ferdinando Luminoso, Stefano Reggio, Andrea Salemme, Francesco Venezia e, come membri supplenti, Carlo Melograni e Giuseppe Silvano, lo ha scelto tra i 10 progetti, tutti di elevata qualità architettonica, elaborati dai gruppi ammessi alla seconda fase del concorso tra i numerosi e qualificati gruppi di progettazione che da tutto il mondo hanno presentato la propria candidatura.

La nuova stazione affiancherà la Stazione di Napoli Centrale – dove fermeranno i treni AV destinati in città – e consentirà ai passeggeri diretti nell'hinterland lo scambio dai treni della nuova linea AV Roma-Napoli a quelli del trasporto regionale o a quelli della Circumvesuviana. Inoltre consentirà la fermata dei treni che proseguiranno verso sud evitando l’ingresso nel nodo di Napoli.

Nell'area in cui sarà inserita la stazione è prevista la realizzazione di un parco naturalistico tecnologico, con laboratori ad alta tecnologia, centri per la sperimentazione agricola, attrezzature per lo sport e un grande centro espositivo.

Il progetto vincitore - scelto in base sia alla qualità architettonica e alla funzionalità sia al rispetto dei costi e dei tempi di realizzazione e gestione dell'opera – si contraddistingue quale segno architettonico di forte identità per tutto il territorio.

La stazione è concepita come un ponte che, vitalizzato dalle funzioni commerciali, segna un percorso entro un volume di calcestruzzo e vetro che assicura la connessione del tessuto urbano scavalcando la ferrovia.

Quello di Napoli Afragola si aggiunge ai concorsi internazionali di progettazione banditi da RFI - la società dell'infrastruttura del Gruppo Ferrovie dello Stato - per le nuove stazioni di Roma Tiburtina (vinto da Carlo Desideri) e di Torino Porta Susa (vinto da Arep), e a quello bandito lo scorso anno da TAV per la nuova stazione AV di Firenze che ha visto vincitore Norman Foster.