Substratum firma a Gubbio "Civico 23", palazzina anni '60 ristrutturata a regola d'arte

A Gubbio, una palazzina anni '60 - caratterizzata dalla classica facciata in cortina laterizia - appare oggi rinnovata e con nuove vesti grazie al raffinato intervento di riqualificazione firmato dal giovane studio romano Substratum, risposta all'investimento di una società immobiliare locale.

Civico 23, questo il nome del progetto, mostra un'estetica lineare e rigorosa.

La reinterpretazione della facciata nord - in passato rivestita di mattoni come le adiacenti palazzine, e oggi bianca e connotata da un cappotto termico intonacato (per un netto miglioramento energetico dell'edificio) - è infatti movimentata attraverso il disallineamento delle bucature ottenuto attraverso imbotti di ferro diversamente strombati e la rifinitura della vetrata della scala con una lamiera stirata.

Allo stesso modo il fronte sud, con l'ingresso principale dell'edificio, si rinnova mediante un basamento di cortina in mattoni dal disegno contemporaneo, accompagnato dalla sostituzione delle ringhiere dei piani superiori a favore di parapetti in vetro, che conferisce eleganza a tutta la facciata.

Un'operazione a 360 gradi che ha inoltre mirato al consolidamento strutturale al fine di un miglioramento sismico dell'edificio prevedendo, oltre a un cordolo sommitale in acciaio, l'inserimento di diatoni nelle pareti portanti, solette in cemento armato su ogni solaio collegato alle pareti da profilati d'acciaio a elle e controventamenti sul tetto di legno con nastri forti in acciaio al carbonio.

Before / After

Prospetto nord - Ante Operam e Post Operam

CIVICO 23 | GLI ESTERNI - PHOTO GALLERY

Prospetto facciata sud

Dettaglio ingresso 

Prospetto e dettagli lato nord

CIVICO 23 | Gli interni

Con il rifacimento del tetto - oggi termicamente isolato - e la conversione del sottotetto ad uso abitativo, la palazzina consta attualmente di un piano terra commerciale e 4 unità abitative di 100 mq, distribuite nei 4 piani.

Gli appartamenti centrali (secondo e terzo piano) presentano lo stesso modello distributivo con zona giorno esposta a sud, con vista sul viale alberato, e zona notte a nord; il primo piano, invece, ribalta la configurazione, collocando l'area living a nord per consentire all'accesso diretto al giardino, anch'esso oggetto dell'intervento.

Per quanto riguarda l'attico, invece, è stata elaborata un'idea spaziale fluida, articolata attorno a un camino centrale e arricchita da una terrazza a tasca ex novo.

Come all'esterno, anche all'interno sono presenti alcuni riferimenti ai materiali del progetto originale: ne è un esempio la scelta dei rivestimenti del bagno Ceramiche Fioranese, che richiamano le vecchie pavimentazioni smantellate e sostituite dal parquet.

INTERNI - PHOTO GALLERY

Rivestimenti Ceramica Fioranese

Dettaglio scala

Substratum, studio di architettura con sede a Roma, è fondato da Giorgia Castellani, Giovanni Tamburro e Ganesh Poggi Madarena nel 2017.
 
Il principale oggetto di interesse dello studio è la materia storica, antica o più recente, che si traduce in lavori di restauro conservativo di beni storico-artistici, ristrutturazione di appartamenti e progetti di interior. La relazione con l'architettura esistente avviene anche attraverso lavori di rilievo di precisione con strumentazioni laser.

Parallelamente lo studio si occupa dell'architettura effimera e temporanea realizzando allestimenti museali, nonché servizi di grafica e brand identity per diverse società.

DATI DI PROGETTO:
nome studio: SUBSTRATUM
nome progetto: CIVICO 23
luogo: GUBBIO (PG)
committente: Mameli srl
progettisti: arch. Giorgia Castellani, arch. Giovanni Tamburro, arch. Ganesh Poggi Madarena
fotografia: arch. Giulio Valerio Mancini, Giuliano Chiocci
consulenti: strutture Ing. Gianluca Bei;
impianti: Ing. Alessandro Giusti
periodo di progettazione: gennaio 2018 - giugno 2018
periodo di realizzazione: novembre 2018 - settembre 2019
destinazione intervento: residenziale - commerciale
numero piani: 4 dimensioni
opera: 500 mq
costo opera: 500.000 euro 

pubblicato in data: