È il team composto dall'architetto Fabio Montesano, con l'ingegnere Giovanni I. Del Bianco, l'archeologo Riccardo Consoli, il geologo Michele Mandaglio e i collaboratori Antonio Marra e Francesco Leto (architetti) il vincitore del concorso «Taranto cambia», indetto da Invitalia lo scorso ottobre per riqualificare la piazza Fontana di Taranto, originariamente luogo di ritrovo dei pescatori.

Alla base del progetto da 625.000 euro, la volontà di trasformare un'area, oggi connotata dal forte degrado fisico e percettivo, in uno spazio comunitario, capace di trasmettere il senso di appartenenza agli abitanti del centro storico attraverso il ripensamento integrale dello spazio pubblico e il conseguente miglioramento del decoro urbano.

Il progetto si sviluppa a partire dal punto di vista spaziale e percettivo, che vede piazza Fontana come il portale d'accesso al centro storico della città, e riveste, allo stesso tempo, il ruolo di quinta scenica del cannocchiale visivo rappresentato dal Ponte di Pietra. 

L'idea base della proposta è dettata dall'intento di mantenere l'equilibrio tra la nuova estetica e la storicità del luogo - indagata anche nelle geometrie della fontana dello scultore Nicola Carrino - legando i frammenti architettonici che compongono la piazza attraverso il nuovo plateau di pietra.

Mediante l'utilizzo di dissuasori mobili, inoltre, si prevede una parziale sottrazione delle due strade, che costeggiano la piazza a sud, al traffico veicolare, consentendo così la massima versatilità nell'utilizzo degli spazi limitrofi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA