Alle porte di Parigi il polo ferroviario firmato SCAPE con Francesco Marinelli è ispirato alla Villa del Rinascimento

pubblicato il:

A Pantin, a poca distanza dal Parc de la Villette a Parigi, nasce il nuovo centro di controllo ferroviario della Sncf (Société nationale des chemins de fer français) che sovrintende allo smistamento di un'ampia porzione del traffico regionale e nazionale del nord-est della Francia. Il progetto, firmato dallo studio SCAPE Architecture (guidato da Ludovica Di Falco) con Francesco Marinelli, dà vita ad un nuovo archetipo urbano: un'infrastruttura logistica caratterizzata da una forte componente tecnica, situata nel pieno centro della città.

Lo studio diretto da Ludovica Di Falco ha ideato una sorta di campus, destinato ad accogliere le sale di controllo e operative e tutti gli uffici necessari al loro corretto funzionamento. L'edificio è anche il primo progetto del futuro «Écoquartier», il nuovo quartiere di alloggi, servizi ed uffici il cui sviluppo è previsto entro il 2030.

Fotografie di © Luc Boegly

Per risolvere la complessità del programma funzionale, mettere in relazione i nuovi volumi con un contesto in divenire, confrontandosi con la presenza della linea ferroviaria, il progetto fa riferimento alla Villa del Rinascimento. Ne scaturisce un'architettura iconica, chiaramente definita dal muro di cinta che protegge un "microcosmo" fatto di giardini, di spazi di lavoro e di vita.

Più nel dettaglio, il Centro di controllo ferroviario è un edificio chiuso, definito da un alto muro di cinta in pietra che segue l'intero perimetro del lotto; al suo interno, il complesso è costituito da una sequenza di patii, di aree logistiche, di giardini pensili, di uffici e di grandi spazi destinati al controllo ferroviario.

Fotografie di © Luc Boegly

Due edifici in metallo dorato emergono dallo scuro muro in pietra, creando un landmark, un riferimento visivo sia di giorno che di notte. Nonostante la natura introversa dell'edificio, gli spazi di lavoro godono di viste sull'esterno e di luce naturale.

Fotografie di © Luc Boegly

I materiali preziosi delle facciate (la pietra di scisto, la maglia metallica dorata) con i giardini pensili, vere e proprie facciate orizzontali, definiscono le quinte del futuro Écoquartier, e rendono immediatamente identificabile il nuovo Centro di controllo ferroviario nel suo contesto.

Fotografie di © Luc Boegly

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CREDITI DEL PROGETTO
CENTRO DI CONTROLLO FERROVIARIO SNCF

sala di controllo, sale operative, uffici,
centro di formazione, locali tecnici di support,
giardini pensili, parcheggio coperto.

LUOGO
Pantin - 93 (Francia)
COMMITTENTE
SNCF Réseau - Direction de Projet EOLE - NExTEO

TEAM DI PROGETTO
Architetto capogruppo : SCAPE con F. Marinelli, M. Mouchel
(project manager), F. Ungaro, T. Lemarchal

Strutture : AEDIS
Impianti e Qualità Ambientale,: DEERNS
Acustica: ALTIA
Viabilità: LMP

Economista e coordinamento cantiere: BMF Conseil
Paesaggio: Après La Pluie

INCARICO Progetto e Direzione lavori

SVILUPPO BIM LOD 3

PERFORMANCE ENERGETICA
RT 2012; Tetti Verdi per la ritenzione delle acque piovane

CRONOLOGIA
2015 (concorso) - 2021 (fine lavori)
SUPERFICIE
4.680 m2 SLP

IMPORTO LAVORI
27,500,000 € HT

CREDITI FOTO Luc Boegly