La scuola dovrebbe essere il primo luogo, dopo la casa, dove il bambino, oltre al tradizionale apprendimento, impara a relazionarsi con i principi di sostenibilità e rispetto dell'ambiente.

Quale occasione migliore, allora, se non un edificio realizzato tenendo conto proprio di questi fondamenti?

Realizzata nel cuore di un denso quartiere residenziale di Drancy circondato da aree verdi, la scuola Simone de Beauvoir, firmata da Bond Society + Daudré-Vignier & Associés, si inserisce all'interno di un'area già destinata all'edilizia scolastica, con all'attivo due asili nido.

Oltre ad ospitare 10 classi, la struttura della scuola elementare integra anche un centro ricreativo e una mensa scolastica, con grande attenzione ai percorsi e alle prospettive tra il volume architettonico e le fonti di illuminazione. Due patii a doppia altezza consentono, infatti, alla luce naturale di penetrare nelle aule e gli spazi distributivi, scanditi da arredi fissi su misura - insieme alla flessibilità degli interni - favoriscono l'orientamento dei più piccoli.

Un progetto dove la funzione prevale sull'estetica, nato con l'obiettivo di proporre un ambiente di studio innovativo favorendo la crescita degli studenti secondo le più recenti linee guida in materia di educazione.

foto: © Charly Broyez

Un edificio per la vita scolastica e per quella ricreativa

Alla base del progetto vi è la scelta di utilizzare il legno in quasi tutto l'edificio, con struttura a trave-pilastro in legno a vista, ad esclusione del piano terra - caratterizzato da un basamento in pietra calcarea - e della tromba delle scale, realizzata in calcestruzzo per ragioni di resistenza e durabilità.

L'impianto è composto da due quadrilateri, con facciate matericamente opposte: dal lato della piazza un rivestimento ligneo chiuso, con poche aperture ben calibrate; dall'altro - affacciate sul cortile interno - una serie di ampie vetrate che rivela la disposizione delle stanze scolastiche e delle aree di relax e ricreazione.

L'ingresso, in posizione centrale, catapulta immediatamente all'interno di un'ampia reception, area distributiva che connette i vari piani, il centro amministrativo e l'area mensa/ristorante.

Il piano terra, a stretto contatto con l'area esterna, rappresenta così il cuore del progetto, centro della vitalità, dove l'educazione si confronta con la vita sociale e le interazioni, estendendo lo spazio oltre la semplice funzione didattica.

Ai piani superiori, invece, i corridoi sono disposti lungo la facciata cieca, distribuendo gli spazi delle classi sul lato del cortile interno, per garantire una maggior quantità di luce naturale.

Il cortile, funge invece da connettore con i limitrofi asili, unendo i poli scolastici nell'ottica della continuità didattica. I campi da gioco delle strutture sono, infatti, separati solamente da una recinzione e da un filare di piante, così da consentire il contatto visivo tra i bambini di diverse fasce d'età.

Perché costruire una scuola in legno

La scelta di tutti i materiali segue gli obiettivi termici ambientali. Costruire in legno significa, infatti, contribuire allo sviluppo del settore forestale, nonché una valida alternativa alle strutture in cemento che prevede la prefabbricazione a secco con conseguente velocità e precisione in fase di cantiere.

Si tratta, inoltre, di un materiale rinnovabile, capace di assorbire significative quantità di CO2, contribuendo alla riduzione dell'effetto serra.

foto: © Charly Broyez

 CREDITI DEL PROGETTO 

Luogo: 64, rue Jacqueline Quatremaire à Drancy (93) FRANCE
Progetto: scuola elementare per 10 classi, mensa scolastica e aule polifunzionali
Cliente: Drancy City Town Hall
Progetto: Daudré-Vignier & Associés + Bond Society | Responsabile di progetto (Daudré-Vignier & Associés): Eric Mollard | Responsabile di progetto (Bond Society): Marie Labro and Adelly Laau
Calendario: 2018 - 2020
Costi di costruzione: 5.800.000 euro
Area: 2100 m²

PROJECT MANAGEMENTS
Progetto strutture in legno: SYLVA Conseil
Progetto strutture: Laboratoire I+A
Gestione economica: Eco+Construire
Progetto impianti: Albert & Compagnie
Progetto acustica: META Atelier acoustique
Progetto elettrico: GT2E
Progetto SS I: Bureau prevenSSIon
Progetto cucina: GSIR

APPALTO GENERALE: ZUB
Subappalto: Legno: Bois2bout • Taglio della pietra: JMR Taille de Pierre • Lavorazione del legno esterno: CT2A • VRD: Vert.R.D • Gruppo elettrico: E.V.A • Controsoffitti: Safe Pop • Lavorazione legno interni: Botemo • Segnaletica: Sapeur Sign

MATERIALI
Legno: foreste francesi
Pietra: Vassens

© RIPRODUZIONE RISERVATA