AIA Honor Awards: i premiati per il 2005

Saranno assegnati a maggio, nel corso della AIA 2005 National Convention and Design Expo di Las Vegas, gli Honor Award, i riconoscimenti che ogni anno l'American Institute of Architects (AIA) conferisce a coloro che si sono distinti con progetti di architetture, di ideazioni o ristrutturazioni d'interni, di interventi a livello urbano o territoriale.

La filosofia che ha determinato la scelta dei trentacinque premiati - e che li ha fatti emergere tra le oltre seicentotrenta candidature - è la valorizzazione dell'eccellenza in Architettura, cioè l'esaltazione di aspetti quali la singolarità dell'intervento, la capacità del progettista (o dei progettisti) di interpretare il tema sottoposto dalla committenza, ma anche l'originalità di soluzioni innovative. I nomi e le opere selezionate non hanno pertanto quasi niente in comune: la chiesa progettata per il Giubileo da Richard Meier, con i tre gusci di calcestruzzo che insieme al muro di spina compongono la navata ed evocano simbolicamente la Trinità, condivide la scena (nella categoria "Architettura") con la scuderia di SPF:a, che ha la particolarità di essere isolata e protetta dal vento da un rivestimento di fieno (utilizzato anche come mangiatoia dai cavalli).

Il fattore distintivo è l'idea, magari associata al recupero di un edificio di rilievo storico, come nel caso del Mill City Museum di Minneapolis, ricavato da Meyer, Scherer & Rockcastle nello "scheletro" di un antico mulino dichiarato monumento nazionale negli anni '80 e distrutto quasi completamente da un incendio nel 1991.

L'AIA ha dimostrato grande attenzione al rifacimento e alla valorizzazione di immobili precedentemente destinati ad altri usi, o di strutture in disfacimento, anche nella categoria "Interni", che comprende tra gli altri, oltre alla ristrutturazione della storica boutique Chanel in Rue Cambon (Peter Marino e associati con Vigneron Architects), il nuovo Tempio Ebraico dell'East End a New York, ricavato da un'ex residenza ottocentesca. Premiata anche la modularità della superficie blu che Neil M. Denari adopera nello l.a. Eyeworks Showroom di Los Angeles come superficie perforata del soffitto, ma anche come vetrina, sedile, scaffale e bancone.

La sezione degli Honor Award dedicata alla progettazione urbana individua un gruppo di interventi realizzati in contesti ambientali e/o sociali problematici, cruciali nell'ottica dello sviluppo sostenibile e, in ogni caso, legati a contesti in evoluzione. In questo senso, è emblematico il West Harlem Waterfront Park a New York, destinato a trasformarsi, da parco esteso con una serie di moli fino nel fiume Hudson, a opportunità di lavoro e di impresa per il quartiere. Analogo discorso per il Piano, sviluppato da Chan Krieger & Associates con un nutrito gruppo di progettisti di supporto, per il lungofiume di Anacostia (Washington D.C.), che introduce anche istanze di carattere economico, mettendo in relazione con la crescita edilizia connessa all'intervento il futuro aumento del numero di contribuenti - e quindi di risorse - nella regione.

Per saperne di più:

Approfondimenti (in inglese) e immagini dal sito ufficiale dell'AIA

Una selezione dei progetti premiati (con immagini) da Archidose

AIA Honors and Awards - 2005 Program Book (in inglese)

 

pubblicato in data: