Il futuro dell'aeroporto di Winnipeg

pubblicato il:

Nel 2000 l'Autorità Aeroportuale di Winnipeg (Canada), con l'approssimarsi del sessantesimo anniversario dell'aeroporto, aperto al pubblico nel 1964, aveva intrapreso un'approfondita  verifica per indagare le effettive condizioni dello scalo, instruttura strategica per la provincia di Manitoba e per le aree circostanti, comprese quelle a ridosso del confine statunitense: il risultato dell'analisi condotta (e ripresa con aggiornamenti nel 2002) era stata la constatazione di una serie di carenze, tra cui il rischio di cedimento della struttura e delle fondazioni.

In particolare, l'edificio che ospita il Terminal appariva logorato dal passaggio di circa quattro milioni di visitatori all'anno, in massima parte (tre milioni) viaggiatori, come riporta il sito della WAA (Winnipeg Airports Authority). Da qui la scelta di dedicare particolare attenzione alla riprogettazione di questa cruciale componente dell'aeroporto e di affidarla a un team composto da progettisti con sede a Winnipeg, la Stantec Architecture, e da esperti nello sviluppo di grandi infrastrutture per il trasporto aereo, nella fattispecie Cesar Pelli and Associates. I nomi scelti furono comunicati alla fine dello scorso mese di ottobre, dopo un processo di selezione iniziato nella primavera del 2004.

Il riassetto dell'impianto aeroportuale di Winnipeg è stato programmato e suddiviso in fasi. Ai lavori di sistemazione del sito e  delle strade di accesso, che sono iniziati nel 2004 e dovrebbero concludersi quest'anno, seguirà la realizzazione di un parcheggio multipiano ( biennio 2005 - 2006) e la risistemazione della pista (2007 - 2008). L'evoluzione del Terminal, dopo la costruzione del nuovo edificio tra il 2006 e il 2009 (Fase I), si prolungherà nel tempo, in una Fase II collocata a ridosso del 2020: infatti, parte della superficie interessata dal progetto sarà destinata a futuri ampliamenti legati alle esigenze di traffico e di sicurezza stimate per il periodo successivo al 2015.

Tra le scelte adottate per la definizione del nuovo assetto del Terminal di Winnipg rientra anche la decisione di raccogliere il parere di sessanta focus group, per studiare le reazioni dei potenziali utenti della struttura.  Il progetto di Cesar Pelli e Stantec è stato presentato mercoledì 23 febbraio, secondo quanto riferisce The Winnipeg Sun: durante l'incontro con il pubblico, gli architetti hanno indicato nel territorio e nel paesaggio del Maritoba le principali fonti di ispirazione, sottolineando anche l'attenzione rivolta verso le esigenze di controllo e sicurezza proprie degli scali aerei contemporanei.

L'edificio del Terminal, con un costo stimato di 350 milioni di dollari, avrà come elementi caratteristici un'ampia parete vetrata rivolta a nord e un punto di controllo unificato per voli nazionali e internazionali; comprenderà inoltre aree dedicate all'intrattenimento delle famiglie e all'arte.

Winnipeg Airports Authority (WAA)

Cesar Pelli and Associates

Stantec Architecture