La Cina è più vicina (alla Biennale)

La presenza cinese alla Cinquantunesima Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia - in programma dal 12 giugno al 6 novembre - avrà carattere ufficiale, perché sponsorizzata dal Ministero della Cultura della Repubblica Popolare, e si concretizzerà in un Padiglione realizzato con il contributo di artisti e architetti nell'area dell'Arsenale e nell'adiacente Giardino dei Vergini

Il settore coperto del Padiglione, ospitato all'interno di un ex magazzino dell'olio, fungerà da galleria espositiva con istallazioni di artisti cinesi contemporanei, mentre lo spazio aperto del giardino sarà connotato dalla presenza di un'ampia e rarefatta struttura di bambù, progettata dall'architetto Yung Ho Chang per creare un collegamento tra interno ed esterno dello spazio espositivo e ottenere una pensilina per la sosta dei visitatori.

Nelle intenzioni di Cai Guo-Qiang, artista e curatore dell'esposizione cinese intitolata "Virgin Garden: Emersion" - come evidenziato nelle note informative diffuse tramite il sito del suo atelier, il Padiglione Cinese alla Biennale rappresenta "l'opportunità di valutare che cosa significhi costruire un padiglione nazionale oggi": in quest'ottica dovrebbe diventare un modello architettonico piuttosto che "un simbolo nazionale di potere e di stile".


Immagine della struttura progettata da Yung Ho Chang

[dal sito www.caiguoqiang.com ]

pubblicato in data: