Nuovo Padiglione italiano - Biennale Architettura 2006

10. Mostra Internazionale di Architettura Venezia,
settembre - novembre 2006

Franco Purini curatore del nuovo Padiglione italiano

L'architetto Franco Purini sarà il curatore del nuovo Padiglione italiano alle Tese alle Vergini dell'Arsenale in occasione della 10. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale, che sarà inaugurata a settembre 2006 con la direzione del londinese Richard Burdett. La nomina è stata ratificata il 6 ottobre dal cda della Biennale.

Nato nel 1941 a Isola del Liri, Franco Purini, architetto, è professore ordinario di Composizione Architettonica e Urbana presso la Facoltà di Architettura Valle Giulia dell'Università La Sapienza di Roma e Direttore del Dipartimento di Architettura e Costruzione (Ar-Cos) della stessa Università. Dal 1966 ha fondato uno studio con Laura Thermes, con la quale ha affrontato sia questioni di linguaggio architettonico sia complesse problematiche urbane, seguendo una linea sperimentale che a una componente razionale associa suggestioni figurative tratte dalla tradizione classica. Tale ricerca si è espressa in un numero consistente di progetti, tra i quali numerosi concorsi nazionali e internazionali.

Molti dei progetti relativi a città hanno come oggetto il rapporto tra segni permanenti ed elementi mutevoli. Tra questi, gli studi su Roma, Milano, Venezia, Postdam, Buenos Aires, Volos. Nel 1978 ha vinto il Primo Premio ex-aequo nel Concorso per le Halles di Parigi; nel 1991 il suo progetto per la Convention Hall di Nara ha ottenuto la menzione d'onore.

All'attività progettuale Franco Purini ha affiancato un costante impegno nella cosiddetta architettura disegnata. Alcune sue tavole sono conservate presso la Triennale di Milano,  l'Archivio Progetti dello IUAV di Venezia, il Museo di Architettura di Francoforte, il Museo di Belle Arti di Buenos Aires, l'Archivio A.A.M. di Roma e alcune collezioni private.

Franco Purini ha esposto le sue idee sull'architettura in cicli di conferenze e seminari in molte università nazionali e straniere, e coordinato workshop progettuali oltre che in Italia, a Syracuse, La Plata, Hannover.  Oltre ad aver ricevuto vari riconoscimenti, dal 1985 è professore onorario del C.A.Y.C. (Centro de Arte e Comunicaciò) di Buenos Aires e dal 1989 è membro dell'Accademia Nazionale di San Luca.

Lo studio Purini/Thermes ha partecipato a varie edizioni della Biennale di Venezia e della Triennale di Milano. Numerose anche le mostre personali in Italia e all'estero. Purini è autore di numerosi allestimenti tra i quali quelli per il Padiglione Italia alla Triennale di Milano del 1996, per la mostra sullo spazio sacro nella modernità nella Basilica Palladiana di Vicenza del 2000 e per gli Incontri alla Galleria Borghese di Roma del 2002. Tra le realizzazioni, oltre alle opere progettate con Vittorio Gregotti - come il Quartiere Zen a Palermo e l'Università della Calabria a Cosenza - figurano a Gibellina la Casa del Farmacista (1980), il Sistema delle Piazze (1982) e la Casa Pirrello (1990), un intervento residenziale a Napoli in località Marianella; a Poggioreale in Sicilia la Cappella di S.Antonio da Padova (1984), il campanile e il sagrato (1987), un piccolo padiglione (1987); un edificio per uffici nel Quartiere Anic di Ravenna (1997-2005), la Casa dell'Agricoltore a Capalbio (2003-2005).

Ha partecipato al gruppo che ha redatto il Piano del Polo Scientifico dell'Università di Firenze, ed è stato impegnato nella progettazione del Nucleo Direzionale di Pietralata, a Roma. Sta curando dal 1992 il restauro delle ex Scuderie Medicee di Poggio a Caiano, mentre sono iniziati i lavori per la chiesa e il centro parrocchiale di San Giovanni Battista a Lecce. Attualmente è impegnato nella progettazione del business park Europarco Castellaccio, di una residenza universitaria nell'area Papareschi a Roma, e del Teatro di Siderno di prossima costruzione in Calabria. È attivo anche, con numerose pubblicazioni, nel campo della teoria e della critica.

 

Per ulteriori informazioni:
Ufficio stampa Arte e Architettura - Fondazione La Biennale di Venezia - tel. 041 5218846-716 - fax. 041 5218972 -

e-mail: infoarchitettura@labiennale.org

sito web: www.labiennale.org

pubblicato in data: