Il Belgio alla Biennale

I giovani progettisti di Label architecture porteranno a Venezia un allestimento sulle problematiche "ordinarie" del rapporto con il territorio.

notizie di architettura

Le nuove leve dell'architettura belga si interrogano sugli aspetti caratterizzanti del particolare contesto naturale e urbano in cui vivono, ma - da qui la particolarità evidenziata da lalibre.be - presentano la propria tesi mediata dallo sguardo del cittadino comune, del passante, del non-addetto ai lavori.

Il risultato è il percorso espositivo "La beaute de l'ordinaire" (La bellezza dell'ordinario. Prospettive sul territorio del Belgio e sulle sue piccole particolarità…), selezionato per la 10. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, che aprirà al pubblico nell'ambito della Biennale il prossimo 10 settembre e si concluderà il 19 novembre 2006. 

Il gruppo Label architecture (Jean-Didier Bergilez, Michel Lefevre, Thibaut Rome e Veronique Patteeuw), espressione della Comunità di lingua francese, che si alterna con la Comunità Fiamminga nel partecipare alle edizioni della Mostra, ha ideato l'istallazione destinata a essere collocata al centro del Padiglione ai Giardini: il Belgio, rappresentato dalla metafora di un recinto di forma irregolare (i confini) sovrapposto al territorio (una carta geografica), come ricorda Actualites CFWB (cfwb.be), verrà illustrato nelle sue varie sfaccettature di paesaggio attraverso foto e filmati.   

 

Dal sito ufficiale della Biennale di Venezia (labiennale.org):

Guida pratica alla 10. Mostra Internazionale di Architettura

Elenco delle partecipazioni nazionali alla Mostra

 

pubblicato in data: