Lo scrigno nero della danza

Sede della compagnia di danza di Angelin Preljocaj, il Centro Nazionale di Coreografia di Aix en Provence - come puntualizza il sito preljocaj.org - oltre al gruppo di ballerini guidati dal coreografo di origine albanese, ospiterà anche le compagnie di passaggio e diversi eventi culturali collegati al mondo del balletto: infatti, l'edificio, progettato da Rudy Ricciotti e  inaugurato lo scorso giovedì, affianca agli spazi tradizionalmente compresi nelle scuole di danza un'ampia area per il contatto con il pubblico e, soprattutto, un teatro da 378 posti che rappresenta il punto di arrivo per gli spettacoli allestiti dalla compagnia.

I quattro piani includono altrettante sale di prova (che complessivamente corrispondono a una superficie di circa 700 mq) e sono caratterizzati dalla totale libertà dagli elementi portanti: la struttura obliqua di travi e pilastri in calcestruzzo nero è tutta trasferita all'esterno, formando quasi una teca protettiva per il volume centrale.

Le Monde parla di un "corsetto" stretto intorno al parallelepipedo  vetrato - e la definizione sembra trovare riscontro in una affermazione di Ricciotti, che allude al tono "un po' sado-maso" (sic) dell'insieme. Lo stesso progettista, in un'altra  dichiarazione riportata dal sito del quotidiano francese (lemonde.fr), sostiene tuttavia che il forte impatto visivo è supportato da una rigorosa analisi geometrica e che "...Si tratta di un edificio per iniziati e per un Pitagora sotto l'effetto dell'assenzio".

Immagini del Centro Nazionale di Coreografia (da preljocaj.org e da archiguide.free.fr): 1 | 2

pubblicato in data: