New York raddoppia la linea

Come preannunciato (nytimes.com) alla fine di marzo dalla Metropolitan Transportation Authority, giovedì scorso a New York si è svolta la cerimonia inaugurale del cantiere per la nuova linea metropolitana che, seguendo il tracciato della Second Avenue, percorrerà Manhattan da nord a sud: lo riferisce, tra gli altri, batiactu.com, riprendendo  la tendenza dei magazine online americani, diffusamente scettici sulla riuscita dell'operazione.

In effetti, l'idea di realizzare il nuovo tratto risale ai primi anni Venti ed è stata riproposta nel tempo, incontrando ogni volta difficoltà economiche (a partire dalla Grande Depressione), logistiche o politiche. Il punto in cui si è dato  simbolicamente inizio agli scavi coincide con l'estremità sud di un breve tunnel portato a termine negli anni Settanta, in occasione di uno dei tentativi di concretizzare la sotterranea diretta al Lower East Side.

Questa volta - come evidenzia il New York Times - l'immediato sostegno da parte dei finanziatori dovrebbe garantire almeno la prima fase dei lavori, per la quale la MTA prevede una spesa di 3,8 miliardi di dollari.  

Il progetto architettonico è stato affidato allo studio Fox and Fowle, partner di Arup, che a sua volta guida il gruppo dei tecnici e degli strutturisti: proprio dal sito arup.com si apprende che l'intervento sulla Second Avenue, oltre alle 16 stazioni ex-novo e ai complessivi 13,5 Km di rotaie previsti, includerà anche la ristrutturazione e l'ampliamento di una stazione esistente, la creazione di un deposito sotterraneo per i treni e l'impianto della segnaletica.

Secondo NY1 News (ny1.com), si sta considerando l'ipotesi di installare, lungo le banchine della nuova linea, grandi porte scorrevoli, dal soffitto al pavimento, per creare una divisione e consentire l'accesso ai binari solo all'arrivo del treno - con un meccanismo analogo a quello utilizzato per l'Airtrain dell'Aeroporto Kennedy.   

Uno degli aspetti più interessanti dell'incarico affidato ad Arup è il sistema informativo che guiderà lo scavo, fornendo, in relazione alla posizione geografica, dati sulla consistenza degli strati geologici, sull'eventuale presenza di buche o fondamenta di edifici, sui vincoli e sulle aree di interesse storico, sulla trama dei lotti fondiari e sull'allineamento dei binari.

Le demolizioni necessarie per realizzare il sistema di aerazione e le uscite di sicurezza (batiactu.com) non saranno gli unici effetti dell'intervento in superficie: la metropolitana della Seconda Avenue, per la quale si prefigura un'inaugurazione nel 2013, determinerà probabilmente non solo un aumento del valore degli immobili, ma anche la nascita di ulteriori complessi residenziali e commerciali.

Informazioni e riferimenti sulla "Second Avenue Subway"
(in inglese, su wikipedia.org)

pubblicato in data: