Piccoli musei vincono

La Pallant House di Chichester (West Sussex) ha ottenuto il riconoscimento che ogni anno individua il migliore museo britannico, sotto il profilo della qualità e dell'originalità dell'allestimento. Giovedì 24 maggio la giuria - come riferisce arts.guardian.co.uk - ha tralasciato a sorpresa il favorito della rosa di quattro finalisti definita lo scorso 4 aprile.

Il grande escluso è il museo di Kelvingrove, oggetto di un costoso intervento di restauro ideato da BDP (Building Design Partnership) e denominato "New Century Project" - che ha determinato, oltre all'ampliamento delle sale espositive, anche un nuovo allestimento.   

Per quanto riguarda la galleria di Chichester, invece, i giurati hanno dichiarato di essere "...rimasti incredibilmente impressionati dalla perfetta corrispondenza tra collezioni e museo...", nello spirito del premio  Gulbenkian, che mette in risalto gli esempi più rilevanti di gestione innovativa degli spazi destinati all'esposizione e del rapporto con il pubblico.

Anche la Pallant House Gallery di recente è stata ampliata con una nuova ala realizzata da Long & Kentish in collaborazione con Colin St. John Wilson & associati, ma ha mantenuto le peculiarità di una "piccola galleria regionale indipendente": il progetto (longkentish.com) ha aggiunto servizi per il pubblico (caffetteria, biblioteca, sala riunioni) e per la didattica, riservando particolare attenzione alla sostenibilità e alla riduzione dei costi.

Gulbenkian Prize 2007 (da thegulbenkianprize.org.uk)

Pallant House Gallery, Chichester (dal sito di L&K, longkentish.com)

Altri finalisti

Kelvingrove Art Gallery and Museum, Glasgow (da glasgowarchitecture.co.uk)

Kew Palace, Londra (da kew.org)

Weston Park Museum , Sheffield (da sheffieldgalleries.org.uk)

Sito ufficiale del Gulbenkian Prize for Museums and Galleries


 

pubblicato in data: