Periferie, da problema a risorsa

nuova pubblicazione

pubblicato il:

Periferie, da problema a risorsa è l'ultima pubblicazione di Historos, collana di saggistica storica di Sandro Teti Editore. Autori: Franco Ferrarotti e Maria Immacolata Macioti.

Terre di mezzo, linee di confine tra la ragione e l'istinto, spazi selvaggi in cui il cittadino formale lascia il posto allo "straniero". Cosa sono le periferie? Quale ruolo ricoprono nello sviluppo delle città ordinarie e quale importanza avranno nel futuro sovrappopolamento delle metropoli?

Gli autori indagano il rapporto tra i grandi centri urbani e le realtà limitrofe, varcando barriere culturali ancor prima che architettoniche: da una parte i grattacieli, i condomini a schiera, i centri commerciali, dall'altra le banlieu, gli slum, le favelas. Due mondi vicini e diversi, da sempre incapaci di comunicare tra loro.

Attraverso la rielaborazione del materiale d'indagine raccolto dagli anni Sessanta a oggi, in questo libro vengono esplorate la storia e la fenomenologia di questi luoghi, con un interesse particolare rivolto alle periferie romane: Acquedotto Felice, Quarticciolo, Alessandrino, Magliana, Quadraro. A emergere sono prospettive e consapevolezze nuove, e con esse una concezione diversa della periferia, da intendere non più come problema ma come risorsa.

Il testo, alla cui realizzazione contribuiscono Flavio Albanese e Khaled Fouad Allam, è arricchito da un apparato fotografico curato da Franco Ferrarotti e Franz Gustincich.


Franco Ferrarotti è decano della sociologia italiana. Nel 1951 ha fondato con Nicola Abbagnano i "Quaderni di Sociologia", ai quali ha dato seguito nel 1967 con la rivista "La critica sociologica" di cui continua a essere direttore. Nel 1961 ha ottenuto la prima cattedra in Sociologia in Italia all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza".

Maria Immacolata Macioti è dal 1976 docente presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". È redattore capo della rivista "La Critica Sociologica" e collabora a diverse testate scientifiche italiane e straniere.