Nuove linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari

In una Determinazione le nuove linee guida

Importanti novità in materia di tracciabilità dei flussi finanziari in arrivo dall’Autorità per la vigilanza sugli appalti pubblici  (Avcp) che dopo una intensa attività di confronto con tutti gli operatori del mercato fornisce le nuove linee guida.

Tra i nuovi aspetti trattati, vi sono esempi sulla filiera delle imprese nei contratti di servizi e forniture, chiarimenti sulla nozione di ‘concessionari di finanziamenti pubblici anche europei’, sull’erogazione delle prestazioni socio-sanitarie, sui servizi bancari e finanziari ed in particolare il servizio di tesoreria degli enti locali.

Altre importanti novità riguardano gli appalti per i buoni pasto ed  i contratti stipulati dalle stazioni appaltanti con le agenzie di viaggio, e poi le carte carburante, i servizi legali, il pagamento delle utenze da parte delle pubbliche amministrazioni, le cessioni dei crediti e le spese giudiziarie.

La tracciabilità dei flussi finanziari, in quanto importante misura di contrasto alla criminalità organizzata e nuovo strumento per prevenire le infiltrazioni criminali, era stata introdotta nel settembre scorso con l’entrata in vigore del ‘Piano straordinario contro le mafie’, varato con legge n. 136 del 13 agosto 2010.

Le nuove linee guida, emanate con la Determinazione n. 4 del 2011 riordinano in una sorta di testo unico le linee interpretative ed applicative già fornite e sostituiscono di fatto le due precedenti Determinazioni sulla tracciabilità, la n. 8 e la n. 10 del 2010.

(Fonte: Autorità per la vigilanza sugli appalti pubblici )

 
Determinazione n. 4 del 7 luglio 2011
LINEE GUIDA SULLA TRACCIABILITA’ DEI FLUSSI FINANZIARI AI SENSI DELL’ARTICOLO 3 DELLA LEGGE 13 AGOSTO 2010, N. 136
(.pdf)

 

pubblicato in data:

progettare e costruire