Regione Emilia-Romagna – nuovo Piano Energetico Regionale: trenta milioni di euro all’anno per tre anni

E’ il fondo per gli interventi del Piano energetico regionale, approvato il 14 novembre u.s. dall’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna a cui si aggiungeranno – ha spiegato l’assessore alle Attività produttive Duccio Campagnoli presentando il provvedimento per la Giunta regionale – le risorse per 80 milioni di euro in cinque anni "che abbiamo deciso di dedicare al Piano Energetico nell’ambito dei programmi europei già attivati per la nostra regione".

GLI INTERVENTI DEL PIANO ENERGETICO REGIONALE
Il Piano energetico prevede innanzitutto che si realizzino in ogni Comune ed in ogni Provincia programmi precisi dei Comuni e delle Amministrazioni provinciali che realizzino risparmio e riqualificazione energetica negli edifici e nell’edilizia residenziale pubblica anche con l’attuazione delle norme previste nel Piano, già predisposte anch’esse dalla Giunta regionale per l’approvazione dell’assemblea legislativa, che fisseranno i nuovi standard energetici obbligatori negli edifici nuovi, e la certificazione energetica per tutti gli edifici, che favoriranno il risparmio.
L’Emilia-Romagna affiancherà gli interventi statali già previsti con accordi con gli istituti di credito che prevedano interventi regionali per abbattere il costo degli interessi per i cittadini. Sempre su questo tema sono previsti interventi per creare grandi piattaforme di produzione di moduli fotovoltaici. Entro luglio 2008 dovrebbe poi trovare applicazione le regole e gli incentivi previsti dall’atto di indirizzo sul rendimento energetico delle nuove abitazioni e per le grandi ristrutturazioni, che dovranno almeno dimezzare i consumi medi attuali. L’atto è stato adottato dalla Giunta e ora sta seguendo il suo iter di discussione in vista dell’approvazione da parte dell’Assemblea legislativa. Per quanto riguarda, infine, le biomasse saranno previsti incentivi per la valorizzazione delle biomasse endogene di derivazione agro-forestale con impianti di piccola taglia.
Gli altri interventi del piano prevedono il sostegno agli investimenti per l’efficentamento energetico nelle imprese e per la dotazione di fonti rinnovabili nelle aree industriali; incentivi alla attivazione diffusa di piccoli impianti (fino a 3 megawatt) che usino biogas o biomassa nelle imprese agricole; il sostegno alla ricerca che si svolge nelle Università e nei Centri Enea e CNR dell’Emilia-Romagna che si rivolge in particolare ai nuovi combustibili, alle nuove tecnologie per il fotovolotaico, ai sistemi di cattura della CO2 e anche alla partecipazione ai programmi di ricerca europei per il nucleare di quarta generazione e di fusione.

IL BILANCIO ENERGETICO REGIONALE
L’Emilia-Romagna ha un consumo interno lordo di energia (dato 2005) pari a 18,1 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (tep): di essi il 55% è costituito da gas naturale, il 35% di prodotti petroliferi.
Il 70% dell’energia consumata in regione è di importazione.
La produzione interna, che arriva a 5,4 milioni di tep, è costituita principalmente da gas naturale (4,8 milioni di tep), seguono le fonti rinnovabili (idroelettrica, biomasse, eolica, solare).
I consumi energetici finali rappresentati dall’industria, residenziale, terziario, trasporti, agricoltura sono cresciuti costantemente nel corso degli anni: nel 1995 erano pari a 11,3 milioni di tep, nel 2005 sono arrivati a 14,2 milioni di tep (+2,6% all’anno in media).
L’industria incide per il 33% dei consumi finali, i trasporti per il 29%, il residenziale per il 22%, il terziario per il 13%, l’agricoltura per il 3%.

pubblicato in data:

energia energie rinnovabili piano energetico piano energetico regionale progettare e costruire Regione Emilia Romagna