Trento – Pacchetto casa: approvati i criteri per la concessione di contributi

Via libera dalla Giunta provinciale – su proposta del vicepresidente e assessore ai lavori pubblici – alla delibera riguardante i criteri per la concessione di contributi a sostegno di interventi sul patrimonio edilizio abitativo.

Si tratta di una decisione molto attesa da tutti i proprietari di casa e che ha come obiettivo anche il contrasto alla crisi economica.

Ammesse al finanziamento provinciale le spese per i lavori veri e propri e le spese tecniche.

La percentuale di contribuzione pubblica è di norma pari al 30% del totale (su una spesa minima ammissibile di 10.000 euro) elevabile in alcuni casi al 35%. Attualmente sono previsti 20 milioni di euro, 10 sul bilancio 2009 e 10 sul 2010.

Gli interventi ammissibili sono quelli su singole unità abitative o su condomini (con riferimento alle parti comuni degli edifici) realizzati sulla base di dichiarazioni di inizio attività rilasciate dopo il 31 marzo 2009, o di dichiarazioni di inizio attività o di concessioni edilizie antecedenti a questa data ma con denuncia dei lavori depositata in comune comunque dopo il 31 marzo 2009.

In via generale sono ammesse tutte le tipologie di intervento tranne le manutenzioni ordinarie.

Via libera quindi a manutenzioni straordinarie, interventi di restauro, risanamento e ristrutturazione, demolizioni e ricostruzioni, ampliamenti e sopraelevazioni, parcheggi, eliminazione di barriere architettoniche e così via.

Possono beneficiare del contributo le persone fisiche o i condomini (per interventi sulle parti comuni).

Fra le condizioni, il non percepimento, per gli interventi su cui si chiede il contributo, di altri contributi provinciali o statali o di agevolazioni fiscali. Ogni soggetto – persona fisica o condominio – può presentare una sola domanda.

Ecco le spese ammissibili:

Per lavori
 – massimo euro 1.000,00 al mq.
– spesa complessiva minima ammissibile = euro 10.000,00
– spesa complessiva massima ammissibile:
euro 100.000,00 per interventi su singole unità abitative e relative pertinenze
euro 200.000,00 per interventi su condomini

Per spese tecniche
– 3% per spese di progettazione
– 5% se viene effettuata la certificazione energetica

Le percentuali di contribuzione sono le seguenti:
– di norma il 30%
– incrementata al 35% per:
interventi in centro storico
interventi che determinano il miglioramento di almeno 2 classi energetiche

La gestione dei contributi spetta a Cassa del Trentino spa.


Le domande vanno presentate dal 4 maggio al 31 dicembre 2009, agli uffici di Cassa del Trentino, agli sportelli di informazione e assistenza al pubblico della Provincia, alle strutture competenti in materia di edilizia presso i comprensori e i comuni di Trento e Rovereto.

In presenza dei requisiti necessari e in assenza di eventuale diniego per mancanza di fondi (comunicato entro 30 giorni) Cassa del Trentino concede il contributo entro 60 giorni dalla presentazione della domanda.

I lavori su singole unità abitative (e relative pertinenze) vanno portati a termine entro 12 mesi dalla presentazione della denuncia di inizio lavori (che va presentata a sua volta entro 90 giorni dalla domanda); per gli interventi sui condomini il limite temporale è spostato a 18 mesi dalla presentazione della denuncia di inizio lavori.
(Fonte: Provincia autonoma di Trento)

 

pubblicato in data:

edilizia residenziale edilizia residenziale pubblica progettare e costruire Regione Trentino Alto-Adige