Valle d’Aosta – uso razionale dell’energia: novità nelle agevolazioni

L’Assessorato alle attività produttive rende noto che la Giunta regionale ha approvato la delibera 1989/2011 che modifica le modalità per la concessione e la liquidazione delle agevolazioni di cui all’art. 5 della legge regionale 3 gennaio 2006, n. 3 Nuove disposizioni in materia di interventi regionali per la promozione dell’uso razionale dell’energia

In particolare, le modifiche intervengono su tre aspetti principali: il primo introduce la possibilità di finanziamento anche dei generatori di calore a legna, il cui rendimento deve essere però certificato da laboratori di prova abilitati dal Ministero dello sviluppo economico e notificato alla Commissione europea. In precedenza, i laboratori ammessi erano solo quelli accreditati dall’apposito circuito europeo.
 
In secondo luogo, il testo approvato rende inoltre finanziabili anche le pompe di calore che producono acqua calda sanitaria al servizio di singoli alloggi, mentre in precedenza gli stessi apparecchi dovevano soddisfare il fabbisogno di interi edifici. L’importo dell’agevolazione in questo caso non può superare il 30% della spesa ammissibile risultante dalla documentazione di spesa.
 
Infine, sul fronte dell’innovazione, sono ora finanziabili i sistemi che consentono la contabilizzazione del calore consumato negli alloggi e quindi un’equa ripartizione dei costi nell’ambito dello stesso edificio.

Anche in questo caso, l’agevolazione massima non può superare il 30% della spesa ammissibile risultante dalla documentazione di spesa.

Le spese ammissibili costituenti il costo d’investimento, in base al quale è calcolato il finanziamento, sono riferibili esclusivamente alla fornitura e posa di contabilizzatori autonomi del calore, di sistemi /dispositivi di termoregolazione e di sistemi di raccolta, elaborazione e trasmissione dei dati relativi alla contabilizzazione e termoregolazione
(Fonte: regione Valle d’Aosta)

pubblicato in data:

progettare e costruire