Vicenza ciclo tour

cicloitinerari alla scoperta del territorio vicentino

Zel edizioni con il concorso di Friuladria edita Vicenza Ciclo Tour, una guida per scoprire i cicloitinerari che conducono alla visita del territorio vicentino, naturalmente in bicicletta.

Parte di un più ampio progetto di valorizzazione del territorio che punta ad incrementare le vie ciclabili di una provincia che ben si presta a questo tipo di percorrenza, la guida propone i primi tre itinerari per scoprire le bellezze del cuore del Veneto.

Si tratta di scoprire alcuni tour possibili predisposti per i cicloamatori, molti degli itinerari sono già molto frequentati da appassionati e attrezzati per fornire servizi adeguati, fra cui il ricovero delle bici, una piccola ma fornita officina, la possibilità di lavare le tute, etc..

Il libro sarà distribuito principalmente negli uffici di Informazione e assistenza turistica della provincia, dove gli sportivi potranno ritirarlo gratuitamente e documentarsi con una lettura piacevole.

Gli itinerari:

Il primo itinerario, medio-facile da poco meno di 60 km, è stato chiamato ''Pedalando tra storia e panorami. La valle del torrente Agno e in lontananza il Monte Pasubio'', e partendo dalla stazione di Vicenza conduce attraverso i paesi di Monteviale, Creazzo e il suo borgo, Sovizzo e Montecchio Maggiore con i suoi castelli, oltrepassando Castelgomberto e Malo e ritornando al capoluogo passando per la splendida villa Caldogno.

Il secondo percorso, di livello facile e lungo 75 km, attraversa le ''Memorie medievali e della Grande guerra'', partendo dal Parco Querini e toccando Dueville, Breganze, Marostica e Bassano, al ritorno costeggiando il Brenta per un buon tratto e poi staccandosi per rientrare a Vicenza.

Il terzo e ultimo tragitto proposto, ''Lago e colli a un passo dalla città. Tuffo nell'incanto della natura incontaminata dei Colli Berici'', è lungo poco meno di 50 km ma si presenta più impegnativo dei precedenti: dopo un inizio all'insegna dell'arte visitando le ville palladiane della Rotonda e dei Nani, s'inerpica per giungere al Lago di Fimon, a S. Giovanni in Monte e Arcugnano, scendendo per il Monte Berico.

web www.veneto.to | www.vicenzae.org

pubblicato in data: