Isolamento a cappotto

Cosa si intende per “isolamento a cappotto”

L’isolamento a cappotto è un procedimento che consente di isolare dall’esterno le pareti di una costruzione, eliminando i ponti termici.

La disposizione dell’isolante per le pareti perimetrali è particolare perché invece di essere inserito nella parte interna della parete, viene posizionato verso l’esterno al fine di limitare le dispersioni invernali.

Tale disposizione è conveniente da molti punti di vista, ad esempio per evitare i fenomeni di condensa senza dover ricorrere all’uso di barriere al vapore che diminuiscono fortemente la traspirabilità della parete.

Infatti con l’isolante posto verso l’esterno il flusso di vapore acqueo attraversa prima gli strati meno porosi della parete in grado di abbattere con la loro resistenza la pressione effettiva in modo che questa non raggiunga mai il valore della Pressione di Saturazione.

Migliora inoltre, a parità di altre condizioni, l’inerzia termica della parete, ovvero la sua capacità di impedire che brusche variazioni di temperatura esterna si trasmettano all’interno con tutta la loro intensità e rapidità.

Infine con l’isolante che avvolge esternamente le pareti si eliminano molti dei ponti termici che si verificano nella maggior parte dei nodi strutturali nel caso di isolamento posto all’interno.

Lo svantaggio di questa soluzione tecnologica sembra essere quello di un costo eccessivo rispetto alla soluzione tradizionale.

I vantaggi:

  • 50% di risparmio energetico sul riscaldamento;
  • barriera anti rumore e termica;
  • durata e stabilità nel tempo;
  • assorbimento d’acqua irrilevante.

pubblicato in data:

ArchiBolario Esame di Stato architettura Fisica Tecnica Tecnologia w