Piani di Insediamento Produttivo

Cosa sono e come sono organizzati i P.I.P. (Piani di Insediamento Produttivo)

Sono piani di iniziativa pubblica attuativi del Piano Regolatore Generale.

Possono essere progettati per accogliere o solo attività monotematiche (artigianali, industriali, commerciali e turistiche), oppure un insieme di attività tra quelle sopra elencate. Sono strumenti che possono essere realizzati soltanto su aree individuate, ai sensi dalla normativa urbanistica, come “aree industriali”.

Le aree su cui sorgeranno i fabbricati sono espropriate dal Comune e sono successivamente ricedute agli operatori o in diritto di proprietà, oppure in diritto di superficie.

Qualunque intervento edilizio in dette aree è regolato da un atto notarile (convenzione) con cui sono disciplinati i rapporti e gli obblighi dei singoli operatori nei confronti del Comune.

I compiti assegnati al Comune, oltre a quelli strettamente tecnici, riguardano:

  • verifica che i futuri operatori possiedano i requisiti soggettivi previsti dalle vigenti disposizioni legislative in materia e dalle norme tecniche di attuazione dello strumento urbanistico, per poter essere assegnatari di un lotto;
  • esercizio del diritto di prelazione sulla cessione dei fabbricati;
  • formazione ed aggiornamento annuale di una graduatoria di soggetti a cui assegnare gli eventuali lotti liberi.

pubblicato in data:

ArchiBolario Esame di Stato architettura Leggi Urbanistiche w