Vetrocemento

Una parete in vetrocemento (“glass brick” o “glass block” in inglese) è realizzata con “mattoni” in vetro tenuti da una cornice cementizia: gli elementi modulari possono avere diverse dimensioni, 15×15 cm, 30×30 cm o 45×45 cm per le forme quadrate, 12×15 cm per quelle rettangolari; lo spessore varia dai 6 agli 8 cm.

La messa in opera richiede tempo e precisione. La parete è realizzata preparando dapprima una cornice d’inserimento lungo l’intero perimetro, mediante la predisposizione di cartoni catramati e feltri bitumati, in modo da consentire piccole traslazioni o rotazioni. Quindi si inizia il posizionamento dei mattoni, previa disposizione di armatura metallica in giunti verticali e orizzontali che vengono sigillati con interposizione di malta cementizia o collante nel caso di divisori interni.

La connessione alle strutture murarie è assicurata tramite incasso o profili metallici.

I mattoni in vetro possono essere semplici o doppi, quest’ultimi presentano una doppia parete vetrata saldata a fuoco con interposta camera d’aria disidratata e forniscono alle pareti un miglior isolamento termo-acustico, sono generalmente utilizzati per tamponature esterne.

pubblicato in data:

ArchiBolario Esame di Stato architettura Tecnologia w