L'ingrippo delle 17,30

messaggio inserito giovedì 13 settembre 2018 da desnip

[post n° 412325]

L'ingrippo delle 17,30

Ma Thonet (Gebruder Thonet) si legge "tònet" alla tedesca o "tonè" alla francese, come ho sempre fatto probabilemnte sbagliando?
:
tonnè, come il vitello?
:
@pepina: :-))
@desnip: Il fondatore Thonet viene dalla Renania, storicamente contesa da tedeschi e francesi. Mi viene da pensare che sia un cognome di probabili ascendenze francesi; quindi secondo me la pronuncia corretta potrebbe essere "toné", alla francese. Di fatto però oggi parliamo di un'azienda germanica, e i tedeschi la chiamano "Tònet" con la "O" chiusa. Come in tutti i casi di confine, a me piace pensare che vadano bene tutte e due.
:
@desnip, piccolo trucco per tutte le parole per le quali non sai dove cade l'accento: pronunciale lentamente quasi sillabandole, l'accento sparirà e si distribuirà... se vuoi provare inizia con Kamut, 'sto maledetto grano che noin si sa mai come accentare!
:
Scusa, ma pure tu, possibile che alle 17,30 di un giorno feriale ti vai ad impiccare su tali disquisizioni? Io solitamente a quell'ora inizio a pensare cosa devo mangiare per cena. Oggi poi che è venerdi sono già altrove alle 14,00.
:
Sì, forse mi faccio troppi problemi... pronuncerò come mi pare.
Del resto noi continuiamo a dire tranquillamente Ichea, mentre a Stoccolma è decisamente "Aichia"!
:
@desnip: mi torna in mente il vecchio post degli stafalcioni di "cantiere" con il "parchet pisellato" la "spifferite", lo "saorum" ecc... ogni tanto quando capita di sentire qualche nome "personalizzato" ci ripenso e ancora rido
:
Fantastici questi strafalcioni.... ma io non posso mai dimenticare il preventivo con infissi "a basso dissivo con gas ercon" e la "colonna flegale".... :-)
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.