EPH 145 classe f - quandrifamiliare 2005?

messaggio inserito venerdì 9 gennaio 2009 da michele

michele : [post n° 184630]

EPH 145 classe f - quandrifamiliare 2005?

salve a tutti,per mia disrazia mi ritrovo a fare degli attestati di qualificazione energetica per delle unità in quadrifamiliare...la situazione è un po' particolare in quanto il Permesso di costruire è di fine 2005 ma in realtà sono state finite solo ora,quindi essendo valida la data di protocollo teoricamente dovrei eseguire una Aqe...
Essendo tutte 4 le unità autonome ho dovuto considerare come da procedura tutte le superfici...con conseguente S/V alto etc...risultato,per ogni unità ho un valore
dati singola unità:
Sup.netta 52,88 ,V NETTO 142,78
Lorda 63,78,V LORDO 210,47
trasmittanza media involucro 0.57 w/m2k
soletta interpiano 0.4
solaio su cantina 0.5
serramenti 2.26 (taglio termico+vetri basso emissivi)
caldaia a condensazione risc+acs 24 kw con pavimento radiante

il problema sono i risultati:
con cened EPH 145 classe f (S/V 0.88)
con bestclass EPH 120 classe e

mi sembrano abbastanza alti come valori...ma la mia libreria di casistiche si rifà solo ad edifici esistenti e datati percui qualcuno potrebbe darmi un parere a riguardo?
grazie anticipatamente!
delli :
nel cened le superfici verso altre unità riscaldata da altro impianto non entrano nel calcolo dellla S/V.... comunque i serramenti con vetri basso emissivi mi sembra alto 2.2... te li certificano così oppure hai usato il 'default' che ti mette cened?
michele :
ciao Delli....dalla procedura di calcolo 15833,al punto E.5.2.5.2 si dice che in caso di impianto autonomo va considerato come involucro disperdente tutto l'involucro comprensivo delle superfici verso locali dotati di diverso impianto...è questo che mi frega...

caso 2B superficie lorda delle strutture opache e trasparenti rivolte verso l’esterno,
verso il sottotetto e verso le unità immobiliari A e B;

roby-costa :
x michele: è cosa diversa la superficie disperdente calcolata per il rapporto S/V (che non tiene conto delle pareti di contatto con altri ambienti riscaldati anche da impianto diverso) e il calcolo delle superfici disperdenti per il calcolo di Ht (percui si fa riferimento alla 15833 e si tiene conto anche delle pareti prima tralasciate). Comunque i valori di trasmittanza sono tutti altini, percui la classe che raggiungerai sarà piuttosto bassa...
michele :
assolutamente,sono daccordo con te,infatti anche la procedura fa la distinzione e ,nonostante nel programma debba cmq inserire tutte le superfici con relativa trasmittanza è il programma che fa la distinzione di cosa utilizzare pre il calcolo s/v a seconda che io abbia messo la superficie verso un loc.riscaldato o meno..purtroppo è matematico che per unità piccole con 3 lati cmq verso l'esterno il rapporto s/v sia alto.le trasmittanze delle pareti sono 0,44w/m2k ma con la maggiorazione per ponti termici ho un valore medio piu' alto...
delli :
vero quello che dice roby-costa: si mette la parete dispedente verso altra u.i. riscaldata da altro impianto (calcola come se ci fosse Te 16°C nell'appartamento contiguo) ma questa superficie disperdente non viene contata nella superficie disperdente che determina l'S/V
comunque i valori pareti e solai sono altini quindi non sperare in classe alta....
tra l'altro: il rapporto S/V non incide nella determinazione della classe, che viene determinata solo dal valore di Eph
bye bye
michele :
grazie dei consigli,vero è che con questi valori di trasmittanza non si fanno miracoli!grazie ancora
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.