riscaldamento con stufa a pallets

messaggio inserito giovedì 16 aprile 2009 da cram

[post n° 194750]

riscaldamento con stufa a pallets

Buongiorno a tutti,
per una residenza da ristrutturare, priva di accesso alla rete del gas, mi è stato chiesto di inserire un impiato di riscaldamento a pallets, non conoscendo molto questa tecnologia vorrei sapere se qualcuno ha avuto esperienza in merito.
Il risparmio economico è così rilevante? Non è scomodo come impianto di riscaldamento?

Vorrei proporre un impianto a ventilconvettori molto efficienti nonchè di facile utilizzo, ma ho paura che energeticamente siano dispendiosi.
Qualcuno può aiutarmi?
Grazie, saluti.
:
come ogni impianto, ha vantaggi e svantaggi, sta all'utente valutare quanto il gioco valga la candela. gli svantaggi sono:
-se salta la corrente la stufa si spegne
-bisogna avere un locale dove stoccare i sacchi per evitare di continuare a comprarli essendo il consumo piuttosto rapido
-a seconda della qualità del pellet venduto il potere calorifico è differente, specie se non è certificato
-necessita di assistenza tecnica qualificata
-la manutenzione deve essere giornaliera
:
grazie mille per l'esaurienti risposte,
invece i ventilconvettori sono energeticamente efficienti, oppure il costo in termini energetici è spropositato?
:
quando studiavo stavo in un appartamento coi ventilconvettori e non era il massimo: per avere sempre una temperatura confortevole vanno tenuti sempre accesi, pur modulando la temperatura in base agli orari; come si spengono l'ambiente si raffredda.
vale il discorso fatto sopra: non esistono impianti perfetti, in base all'utenza bisogna fare un bilancio tra vantaggi e svantaggi nel caso specifico.
per esempio, ci sono i termocamini -se fatti bene sul modello delle stufe trentine- che scaldano tantissimo anche se sono usate come unico impianto, ma lo svantaggio è che devono essere caricati continuamente con la legna
:
Valuta una macchina a pompa di calore ad alta efficienza, fa sia caldo che freddo e ti permette di avere una detrazione del 55%. I terminali possono essere ventilconvettori incassati o split a parete.
:
Grazie Andrea,
anch'io ero orientato verso un sistema con ventilconvettori o split, ma non consumano troppo per riscaldare/raffrescare un intera casa di almeno 100 mq? Oppure la tecnologia attuale riesce a garantire un buon rapporto qualità prezzo? Grazie a ncora saluti...
:
Parlo di una macchina a pompa di calore con una unità esterna e quelle che ti servono internamente.
Sul consumo dipende dal modello, ad esempio la Toshiba fa una macchina che è gestibile anche con forniture di 3Kw...e poi se si puo' accedere alla detrazione del 55%...un risparmio ci sarà!
Considera che se installi il pallet dovrai integrare il sitema di riscaldamento con uno di raffrescamento...ad occhio e croce è una bella spesa non trovi??
:
Concordo pienamente, il problema sarà convincere il committente!!!
grazie ancora ...saluti.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.