Divisione unita' abitativa

messaggio inserito lunedì 19 luglio 2004 da MARY

MARY : [post n° 25210]

Divisione unita' abitativa

Il mio cliente è proprietario di una unità abitativa su cui grava una ipoteca volontaria; vuole dividere l'unità abitativa in due unità una per ogni figlio; questi ultimi mi chiedono di poter usufruire degli sgravi ficali per le ristrutturazioni, pertanto vi chiedo:

E' più conveniente che sia l'attuale proprietario a effettuare i lavori o che si proceda prima alla divisione del bene e poi alla ristrutturazione

Un appartamento con ipoteca volontaria può essere donato ai figli? (c'è anche un terzo figlio non interessato alla proprietà)

Quando si divide un appartamento in due appartamenti è DIA o Permesso di Costruire? ci sono oneri e con il Catasto che succede?

Colleghi esperti rispondete!!

delli :
non so darti risposte sicure alle prime domande ma solo a quello di cui sono sicura cioè la parte "pratica edilizia":
la divisione dell'unità abitativa è un intervento di ristruttturazione edilizia pertanto ONEROSO (x i termini dell'onerosità devi sentire il comune come li calcolano: in genere c'è un valore x gli OO.UU. relativo alla ristrutturazione oltre al solito costo di costruzione) ... è un intervento subordinato a permesso di costruire (art. 10 lettera c DPR 380/2001) OPPURE anche a denuncia inizio attività (art. 22 comma 3 lettera a TU) a tua scelta... ovviamente in Catasto va fatta poi la variazione perchè cambiano le unità immobiliari e di conseguenza la consistenza edilizia (anche ai fini ICI)
bye bye buon lavoro
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.