agibilità

messaggio inserito martedì 19 giugno 2012 da Perri

Perri : [post n° 293312]

agibilità

Per interventi dove si andavno a a modificare parametri igienici, impiantistici e di prestazioni energetiche ho sempre richiesto l'agibilità, come da Testo Unico. A prescindere dal tipo di intervento. Ora sorgono i dubbi in quanto molti comuni per interventi minori quali opere di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo chiedono di NON richiedere assolutamente l'agibilità. Faccio un esempio opere di manutenzione straordinaria (modifica tramezzature, rifacimento impianti, isolamento solaio verso interrato) e restsuro e risanamento conservativo (chiusura di una porta finestra)......chiedo l'agibilità?
eli71 :
Io direi di no,ho sempre visto nella modulistica di tutti i comuni con cui ho avuto a che fare che l'agibilità va richiesta solo nei casi di nuova edificazione,ristrutturazione edilizia e ristrutturazione urbanistica.Anche secondo l'art. 24 del testo unico non mi pare che sussistano le condizioni per richiedere l'agibilità nel caso che hai citato (forse l'unico intervento che può rientrarci è l'isolamento del solaio verso interrato).
mario :
Io direi di sì: tuteli il committetnte e te stesso. Il testo Unico è chiaro.
Capo I - Certificato di agibilità - Articolo 24 - Il certificato di agibilità attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente.
Modificando anche solo una delle voci descritte l'agibilità deve essere richiesta. Molti comuni non la chiedono ma non si sa perchè. Fossi in te mi atterrei a quanto c'è scritto nella normaiva.
trilly :
per gli interventi che hai nominato i comuni non richiedono l'agibilità.
valuta che al 90% in sede di richiesta di agibilità insorgono problemi che nemmeno avevi valutato...
Perri :
Arrivo ora dal colloquio con il tecnico comunale....mi ha fatto capire che è meglio non richiederla perchè la richiedessi vorrebbe il cemento armato che in archivio edilizio non c'è e secondo lei non si trova (unifamigliare anni 60). In tal caso dovrei far fare una relazione di conformità statica.
trilly :
come volevasi dimostrare.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.