fabbricato demolito e ricostruito

messaggio inserito mercoledì 20 giugno 2012 da lino

lino : [post n° 293464]

fabbricato demolito e ricostruito

Buonasera, il mio quesito è il seguente:
Un fabbricato, sito in zona con indice di edificabilità "satura" e ad alto rischio sismico, demolito e poi ricostruito deve rispettare gli stessi vincoli di distanza dagli altri fabbricati precedentemente la demolizione o rispettere i vincoli delle leggi attuali e del prg?
grazie
eli71 :
a quanto ne so io se fai un'unica pratica di demolizione e ricostruzione puoi ricostruire con la stessa volumetria dell'esistente
Paolo :
Devi demolire e ricostruire "con la stessa sagoma", cioè con lo stesso ingombro in pianta e con lo stesso volume.
lino :
grazie.
ok per i volumi e sagoma, ma la distanza tra i due fabbricati attualmente è di 4mt, ora nella nuova ricostruzione mi devo attenere ai 5mt previsti dal prg?grazie
Paolo :
No altrimenti, da Prg, dovresti distaccarti 10 mt, che è la distanza minima tra fabbricati (tranne che per quella zona ci sono norme particolari), perchè i 5 mt sono la "distanza minima dal confine".
Chi demolisce e ricostruisce con stessa sagoma e volume, non si deve attenere alle norme di Prg, in quanto ha un diritto acquisito che va in deroga alle norme.
Immagina di demolire e ricostruire un fabbricato cadente in centro storico, dove ci sono vicoli di 2 mt; avresti la possibilità di ricostruire nella stessa area di sedime, a 2 mt dal fabbricato prospiciente (e questo vale per tutte le zone della città).
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.