parcheggio interrato

messaggio inserito giovedì 6 giugno 2013 da giovanni

[post n° 318808]

parcheggio interrato

Salve a tutti,
vi spiego brevemente la situazione e i miei dubbi.
Il progetto per una urbanizzazione primaria prevede un parcheggio interrato pubblico di circa 1350 mq di superficie netta (parcamento di 50 macchine), ora in fase esecutiva si vuole apportare una modifica di superficie del parcheggio interrato, portandolo a 2500mq, ma data la natura del luogo, la sagoma del parcheggio potrebbe prevedere una circolazione non continua all' interno dell' interrato?, avendo così dei punti ciechi?. Prevedendo un' adeguato spazio di manovra, e una corsia libera di 6mt possono esserci dei punti ciechi all' interno di un parcheggio pubblico interrato?

Il parcamento previsto con la variante è di 80 macchine, bisogna prevedere un posto auto per disabili? e quindi dover dotare il garage di un ascensore?, oppure anche avendo più di 50 posti auto si può non dover prevedere un posto per diversamente abili?

La normativa antincendio prevede, in mancanza di una ventilazione forzata, una ventilazione naturale con superficie delle griglie di areazione non inferiore ad 1/25 della superficie netta del parcheggio, ma rispettando la normativa, e rispettando le superfici di ventilazione, si può avere un' area di parcheggio priva di ventilazione? La parte in questione è continua rispetto alla parte areata, ma il progetto in superficie per quella porzione ( circa 280mq) prevede un asilo, e quindi non si possono aprire griglie di areazione. Quindi l' unica soluzione è prevedere una ventilazione forzata per tutto il parcheggio pubblico?
:
Risponderti in modo esaustivo in questa sede è difficile. Ma ci provo.

la corsia di manovra a "cul de sac" non è vietata, con adeguato spazio di manovra. Non so che intendi per punto cieco ma se intendi che un utente per arrivare al proprio box percorre una corsia e poi per uscire deve tornare indietro,ciò è permesso.

intanto ti cito Il DM 236/1989 prevede al punto 8.2.3.:
"Nelle aree di parcheggio devono comunque essere previsti, nella misura minima di 1 ogni 50 o frazione di 50, posti auto di larghezza non inferiore a m 3,20, e riservati gratuitamente ai veicoli al servizio di persone disabili."
Nel tuo caso devi prevedere "almeno" 2 posti disabili salvo diverse esigenze.

In quel caso un ascensore per disabili deve essere previsto per l'uscita, così come uno spazio calmo oltre la zona filtro per permettere i soccorsi di persona in sedia a rotelle in caso di incendio.

Nel caso della ventilazione consiglio di andare a parlare con i vigili, in molti parcheggi da me progettati nel rispetto di 1/25 non è necessario che ci siano aree tutte areate, certo a seconda dei casi i vigili potrebbero chiedere misure di compensazione, o chiedendo lo spegnimento automatico anche se non obbligatorio, o integrando la ventilazione naturale con quella forzata in alcune porzioni e/o comparti di parcheggio.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.