cliente un po' troppo intraprendente

messaggio inserito mercoledì 24 giugno 2015 da sara

[post n° 363779]

cliente un po' troppo intraprendente

Buon giorno a tutti, ho bisogno di un consiglio su manutenzione straordinaria e detrazioni.
Premetto che sono alle prime armi.
Un cliente mi ha chiesto di fare una cila al comune a maggio, per soli lavori edili: il progetto prevedeva di spostare un paio di tramezzi e sostituzione rivestimenti, niente lavori idraulici ed elettrici, quindi ho comunicato come impresa il solo muratore, all'epoca lavoratore autonomo. Ora il muratore ha assunto un ragazzo come apprendista. Inoltre, siccome l'appetito vien mangiando, il cliente decide di spostare alcuni punti elettrici e rivedere la disposizione della cucina e del bagno, quindi chiede al muratore di procuragli idraulico ed elettricista, ovviamente imprese. Il tutto senza dirmi nulla, se non adesso che ha dato gli acconti pagando 3 diverse fatture a idraulico, muratore ed elettricista.
Quindi ora si ritrova in cantiere di fatto 3 imprese.
- muratore + apprendista
- impresa idraulico
- impresa elettricista
Tralasciando sull'arrabbiatura perchè sono sicura che abbia fatto tutto in buona fede, e considerando che il cantiere è praticamente finito, cosa posso consigliargli di fare per evitare di perdere le detrazioni per mancata comunicazione all'asl, mancata nomina coordinatore ecc ecc...??
Grazie a tutti



:
che non metta in detrazione elettricista ed idraulico ma solo muratore. Cavoli del committente ad un certo punto, scusa sai. La comunicazione all'asl la chiedono in caso di controlli dell'Ade vedendo fatture per 3 imprese ma in sede di dichiarazione dei redditi il caf o il commercialista prende solo le fatture. Quindi a suo rischio e pericolo. Questo per quanto riguarda le detrazioni. Tu eri direttore lavori? se non lo eri ma eri solo progettista non sei manco tenuto a sapere cosa fa lui in casa sua.
:
Sì, in sostanza le strade sono due: o lasci le cose così come stanno, chiudi i lavori, lui paga le fatture e chiede le detrazioni e va nella speranza che non vengano fatti controlli incrociati; oppure tu fai la notifica preliminare con tutte le imprese e dici al tuo cliente che si sta auto-denunciando all'usl come committente di un cantiere con più imprese, per cui deve incaricare immediatamente un CSE e che dovrà pure pagarlo. Ecco, secondo me, di fronte alla questione "pagarlo", lui ti dirà che preferisce fare nel primo modo.
:
praticamente mi ha già detto che preferisce fare nel primo modo: pagare, chiudere e sperare...ma non mi va di fargliela passare liscia, senza colpo ferire, sperando che non vengano controlli, con il rischio che fra qualche tempo me lo ritrovo qui a lamentarsi. Leggo che è possibile fare una remissione in bonis, avete esperienza a riguardo? immagino che vada fatta prima di eventuali controlli, ma mi sembra una strategia troppo "comoda"
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.