negozio CILA

messaggio inserito venerdì 16 settembre 2016 da sabagio

sabagio : [post n° 386466]

negozio CILA

Buon giorno, un cliente deve prendere in affitto un fondo commerciale per aprire la sua nuova attività: per poter esercitare ha necessità di fare degli interventi di adeguamento interno, sopratutto per quanto riguarda il servizio igienico L.13. La mia domanda è la seguente:
"dovendo presentare una SCIA al SUAP per la sua nuova attività prima di questa pratica dovrà effettuare i lavori con una CILA per manutenzione straordinaria?"
ArchiFra :
assolutamente sì perchè la scia commerciale prevede che il giorno dopo la presentazione si inizi l'attività in quanto in possesso di tutti i requisiti necessari.
il suap controlla la scia, se salta fuori che mancano titoli fodnamentali, fa la conformazione dando fino a 40 giorni di tempo per adeguarsi. scaduto il termine, scatta il provvedimento di cessazione immediata dell'attività.
se questi interventi edilizi sono condizione necessaria allos ovlgimento dlel'attività di impresa, prima devono essere eseguiti, dopo dichè si presenta la scia commerciale al suap.
sabagio :
Altra domanda, il servizio igienico è uno solo e non rispetta la normativa di accessibilità, è necessario adeguarlo? Sono necessari due bagni, uno per il personale ed uno per i clienti oppure è sufficiente uno solo?
desnip :
Credo che dipenda dal tipo di attività.
ArchiFra :
che tipo di attività è? il bagno epr il pubblico è necessario solo per i pubblici esercizi (bar, pizzerie, ecc.), ad esempio take away non ne hanno bisogno come pure negozi di abbigliamento.
per il bagno disabili, sei obbligato comunque ad averlo accessibile e quindi a modificare l'unico esistente, fermo restando che dalla strada ci deve comunque essere accessibilità al fondo.
sabagio :
Si tratta di un centro estetico a Firenze, mi resta il dubbio se devo adeguardlo alla L.13 oppure no.
ArchiFra :
tutti gli spazi di relazione devono essere accessibili. il bagno per disabili per dipendenti è obbligatorio solo se l'attività rientra nelle caratteristiche del collocamento mirato.
verifica che ci siano norme regionali o comunali più restrittive, cerca su internet e trovi. ricorda infine che epr casistiche specifiche è sempre bene interpellare direttamente il comune
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.