Demolizione e ricostuzione su Vincolo Cimiteriale

messaggio inserito giovedì 6 ottobre 2016 da lo85

lo85 : [post n° 387730]

Demolizione e ricostuzione su Vincolo Cimiteriale

Salve,
vorrei porre un quesito.
Ho un'area dove è presente un rudere (ci sono le pareti perimetrali e parte della copertura) risalente agli anni 30.

Attualmente tale area da piano regolatore comunale è interessato dal vincolo cimiteriale e le NTA comunali del paese in questione espongono quanto segue su tale vincolo

- vincolo cimiteriale:
nella planimetra di P.R.G. ( alleg. 6 1/10000 ) è riportata la superficie coperta da vincolo di inedificabilità ai sensi dell'art. 338 del
T.U. della legge sanitaria 27 luglio 1934 n. 1265 e della legge 17 ottobre 1957 n. 983;

In particolare, analizzando la legge 17 ottobre 1957 n. 983;

( www.edizionieuropee.it/LAW/HTML/ ... 1_01a.html )

mi sembra di capire che questo dia una possibilità di deroga al vincolo indipendentemente che si tratti della realizzazione di un'opera di interesse pubblico, specialmente se è antecedente al 31 ottobre 1956.


Posso demolire e ricostruire variando la destinazione d'uso con la stessa sagoma e volumetria o decade il diritto edificatorio a causa del vincolo? (esempio passando da residenziale alla realizzazione di una trattoria?) oppure posso fare una manutenzione straordinaria e "consolidare" la struttura esistente sostituendo copertura e recuperando le pareti? Premetto che alcune pareti sono completamente crollate ma se ne può tranquillamente accertarne l'esistenza.

La struttura essendo in pietra mista a muratura ordinaria, richiederebbe un massiccio intervento di consolidamento e di riparazione perciò nel limite del possibile vorrei evitare questa strada perché sarebbe meglio fare una struttura nuova.

Con quale delle due strade potrei mantenere il diritto edificatorio?
Grazie
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.