Distanza dal confine per sopraelevazione

messaggio inserito martedì 21 marzo 2017 da IngCla

IngCla : [post n° 395017]

Distanza dal confine per sopraelevazione

Buonasera, ritorno sul tema della tanto argomentata questione di distanza tra confini nel caso di sopraelevazioni, ma in un caso leggermente differente per il quale non ho trovato chiarimento nei vari post.
Dunque siamo in Monza e quindi utilizzeremo le prescrizioni date dal corrente PGT (distanza dal confine 6mt - distanza tra una parete finestrata e quella adiacente 10mt).
Allo stato di fatto abbiamo una villa composta da PT finestrato, P1 finestrato, PSOTTOTETTO (condonato) finestrato, distanti in maniera comune da un fabbricato (senza pareti finestrate) finitimo a 4 metri.
Nel mio progetto in questione è prevista la sopraelevazione del piano sottotetto, in quanto anche se è abitabile, presenta comunque delle altezze interne poco vivibili, l'intenzione è quindi elevare i muri perimetrali del piano sottotetto, quel tanto che basta per rendere vivibile il piano sottotetto.
Il tecnico comunale mi dice dapprima che non posso utilizzare il Recupero Sottotetto, in quanto il piano è già stato condonato e l'unica cosa che posso fare è quindi utilizzare una DIA onerosa di sopralzo. Nel fare ciò però devo rispettare le distanze tra i confini previste dal PGT e dal DM 1444/68, in quanto trattasi di nuova costruzione.
Il problema inizialmente non sussiste ma la distanza a suo dire del nuovo muro perimetrale deve essere di 10 metri dall'edificio finitimo, anche se realizzo una parete cieca, in quanto, a suo dire, ai piani sottostanti della mia villetta ci sono delle finestre.
Ora il dubbio mi sorge in quanto, va bene rispettare le distanze per la nuova costruzione, ma perchè devo considerare anche i piani sottostanti? La normativa si esprime nel caso di nuova costruzione e quindi al massimo dovrei arretrare le pareti perimetrali del piano sottotetto, come mai invece mi è stato detto che le finestre sottostanti influiscono sulla distanza? In conclusione se io realizzassi al piano sottotetto una parete cieca dovrei stare al massimo 6mt dal confinante e non 10 mt, che importanza ha il fatto che nell'esistente vi siano già delle finestre?
Grazie per gli eventuali consigli.
desnip :
Per prima cosa mi perplime il fatto che i tecnici comunali continuino a chiedere la Dia quando non esiste più....

In merito alle distanze, non ho capito una cosa: nel caso tu volessi sopraelevare, lui cosa pretende? Di rendere cieche anche le pareti dei piani esistenti, chiudendo le finestre? E i rapporti aeroilluminanti?
IngCla :
Buongiorno, nel caso di sopraelevazione anche con parete cieca, dovrei mantenere una distanza di 10 metri dal confinante, in quanto ai miei piani sottostanti ho delle finestre. Altrimenti per stare ad una distanza inferiore anche con accordo dal vicinante dovrei rendere cieche le finestre sottostanti...
desnip :
Ah, beh, in tal caso ha ragione.... Se vuoi sopraelevare devi distanziare l'ultimo piano.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.