CAMBIO DESTINAZIONE D'USO CON OPERE - CALCOLO ONERI - SCIA O PdC?

messaggio inserito mercoledì 31 gennaio 2018 da steblo

[post n° 405418]

CAMBIO DESTINAZIONE D'USO CON OPERE - CALCOLO ONERI - SCIA O PdC?

Buona sera,

mi sot cimentando in una ristrutturazione edilizia per la quale andremo a trasformare un ex-fienile, sopra ad una stalla/magazzino in due camere da letto da adibire a room&breakfast. Naturalmente é previsto il cambio di destinazione d’uso, che dato il passaggio da C/2 a A/3 (o categoria produttiva, cosa che il room&breakfast lo consente) è un po complicato abbiamo chiesto un parere preventivo al comune.
La risposta dovrebbe essere positiva, e vorrei capire come devo calcolare gli oneri. devo conteggiare solo i m2 che andiamo a convertire certo? e poi in base ai m2 e il costo di costruzione attualizzato del comune e con un excel si ricavano gli oneri certo? sono circa 45 m2, il che mi da all’incirca 2000 euro, considerado che dall’excel si considerano solo gli interventi strutturali certo e al massimo del 50% del totale, certo?
Altro dubbio è se posso usare una SCIA, o ci vuole un PdC? parte del progetto è anche la ristrutturazione edilizia della casa principale...

grazie per l'aiuto
:
Scusa, ma se interpelli il comune non potresti farti dirimere anche questi dubbi?
:
Da quello che ho capito per le ristrutturazioni in zone agriocole (SCIA) non sono dovuti gli oneri per costruzione ma solo eventualmente quelli per urbanizzazione. Corretto?
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.