CdU Roma, da C/1 ad A/3, consiglio

messaggio inserito martedì 29 gennaio 2019 da MArc

[post n° 417267]

CdU Roma, da C/1 ad A/3, consiglio

Buongiorno,

sono al mio primo cambio di destinazione d'uso ed ho alcuni dubbi.
Nello specifico, dovrei variare da C/1 (attuale) ad A/3, il locale è stato oggetto di lavori con regolare CILA alcuni anni fa e da un primo sopralluogo ha tutte le caratteristiche per diventare un vero e proprio appartamento (altezze, R.A.I., ambienti, ecc..).

Visionato il PRG, il cambio risulta possibile.

L'unica cosa mancante è la cucina, dovrei fare le schemature degli impianti Idrico/ elettrico (no gas).

Non dovendo fare demolizioni e costruzioni, ricade in C.I.L.A.?
Per quanto concerne il carico urbanistico che muterebbe, come e dove lo quantifico?
Ultimo punto, nota dolente, onorario?
Ringrazio anticipatamente per i consigli!
:
Quando si tratta di cambiamento d'uso urbanisticamente rilevante dovrebbe ricadere sempre in pdc.
Non capisco perchè dovresti "quantificare" il carico urbanistico....
:
tralasciando il quantificare che era per dare un indicazione al proprietario, oggi ho visto una pratica di frazionamento e Cdu, con tanto di demolizioni e costruzioni autorizzate con cila.
In origine un unico magazzino C/2 è passato a 3 magazzini sempre C/2 e 2 appartamenti a/3.

Se tanto mi da tanto, il mio caso , identico e se vogliamo meno articolato, perchè dovrebbe andare in PDC?
La CILA che ho visto era regolarmente chiusa in quanto l'intervento risale a pochi mesi fa.
:
"Se tanto mi da tanto, il mio caso , identico e se vogliamo meno articolato, perchè dovrebbe andare in PDC": perchè ogni comune fa storia a sè!
Per "norma" il cambio d'uso urbanisticamente rilevamente va in pdc, poi se per il tuo comune basta una Cila, tanto meglio per voi.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.