Ante Operam CILA

messaggio inserito venerdì 3 maggio 2019 da ArchVale

[post n° 420947]

Ante Operam CILA

Buonasera,
mi piacerebbe avere un vostro consiglio.
Devo fare una Cila per un cliente per una piccola ristrutturazione su un appartamento degli anni '70 che prevede solo opere interne.
Lo stato di fatto corrisponde alla planimetria catastale (sono consapevole che il catasto non è probante), la quale, però, è stata stata presentata con DOCFA nel 2007 non come diversa distribuzione interna ma come ESATTA RAPPRESENTAZIONE GRAFICA. Secondo me, quindi, senza un corrispondente titolo edilizio. Ho recuperato la planimetria precedente, che corrisponde a quella d'impianto del '70: confrontandola con quella del 2007, ho visto che sono stati uniti cucina e soggiorno ed è stato tolto anche il tramezzo che separava dal corridoio.

Come mi devo comportare per attestare la regolarità dell'ante operam della Cila?

La mia idea era di fare l'accesso agli atti per visionare gli elaborati allegati al permesso di costruire originale degli anni '70, fare una CILA in sanatoria e successivamente presentare una CILA per i nuovi lavori,

Che ne pensate?

Grazie anticipatamente

:
E' così!
Se lo status quo non è regolare dovresti prima sanare le presunte difformità.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.