sos-no al cordolo in c.a.

messaggio inserito martedì 15 febbraio 2005 da silvia

silvia : [post n° 42274]

sos-no al cordolo in c.a.

Ciao, sto lavorando alla sostituzione di un tetto a capriate lignee, in una piccola costruzione in pietra, nei dintorni di Velletri.
Le norme antisismiche stabiliscono di mettere un cordolo in c.a. come ripartitore dei carichi della copertura sui muri perimetrali. Trattandosi di una casa di pietra e tenendo conto che colui che eseguirà i lavori è un costruttore che non usa cemento, o comunque il minimo indispensabile, chiedo se qualcuno/a ha informazioni circa soluzioni alternative al cordolo in c.a., che possano comunque venir approvate dal genio civile e quindi non contraddicano la normativa e che siano, soprattutto, coerenti all'edificio su cui si interviene.
Vi ringrazio molto
bx :
se è per questioni ecologiche, usa cemento bianco e acciaio austenitico...
pietro :
non riesci ad incassare il cordolo all'interno della muratura in pietra? Hai pensato ad una fasciatura in ferro? Il concetto del cordolo è di ripartire i carichi e di contenere li spostamenti laterali. Se la fasciatura è coerente e continua non dovresti avere problemi con il genio civile.
Avvisami quando qualcuno risponde
Non mandarmi più avvisi

Se vuoi essere avvisato quando qualcuno interviene in questa discussione, indica un nome e il tuo indirizzo e-mail.